La Juventus di Pirlo sarà costruita attorno a Ronaldo e Dybala

Le voci sull’addio di CR7 e Dybala sono infondate, la dirigenza a caccia di un bomber di scorta

juventus pirlo ronaldo dybala

La Juventus di Andrea Pirlo sarà costruita attorno a Cristiano Ronaldo e Paulo Dybala. Non c’è alcuna possibilità che i due giocatori che hanno sostanzialmente salvato la stagione di Sarri vadano via da Torino. I gol di CR7 e de la Joya hanno sopperito alla mancanza di gioco e solidità nella stagione appena conclusa e nonostante la delusione europea, entrambi hanno voglia di ripartire in maglia bianconera. Il primo si sta godendo le vacanze in yacht, ma il 24 agosto sarà alla Continassa per la ripresa della preparazione. Il suo staff ha smentito tutte le voci circolate in questi giorni, perché l’obiettivo del portoghese è sempre lo stesso: rivincere la Champions e farlo con la maglia della Juve.

Il tridente della Juventus di Pirlo

Discorso analogo per Dybala, che sta trattando il rinnovo con la Juventus. In scadenza nel 2022, l’argentino chiede un aumento da 7 a 15 milioni di euro, mentre il club ne offre 10, che con i bonus possono arrivare tranquillamente a 12, fino al 2024 o addirittura 2025. Il gioco delle parti prosegue, ma le possibilità che si arrivi ad una rottura con conseguente cessione sono prossime allo zero. Su questi due pilasti, Andrea Pirlo costruirà l’attacco bianconero e considerato che al “maestro” piace molto il tridente, almeno inizialmente dovrebbe partire appunto con Ronaldo a sinistra, Dybala al centro e Kulusevski sul versante destro del settore offensivo.

L’alterativa a Ronaldo e Dybala

Il nuovo allenatore della Juventus non vuole però precludersi altre soluzioni, ragion per cui attende l’arrivo di una prima punta con caratteristiche diverse a Dybala. L’ostacolo più alto è convincere Higuain a lasciare Torino con un anno di anticipo rispetto alla scadenza del contratto, anche se il papà del Pipita ha ribadito ieri che non sarà così. Una volta sistemato il bomber argentino, Paratici si tufferà su un attaccante, che non dovrebbe però essere Milik: nonostante l’accordo di massima con il polacco, al momento Roma e Atletico Madrid sono più vicine all’intesa col Napoli, che detiene il cartellino.

Per Jimenez il Wolverhampton continua a chiedere 70 milioni e Dzeko è ritenuto incedibile dalla Roma. Rimane in piedi la pista Lacazette, mentre per Zapata la Juve sta provando ad inserire come contropartita Perin, anche se le parti sono ancora molto lontane.