Questo Buffon merita ampiamente il rinnovo

A 41 anni Gigi Buffon ha dimostrato contro il Bologna di essere tutt’altro che finito

buffon juventus bologna rinnovo

Gianluigi Buffon rinnoverà il contratto con la Juventus per un altro anno ed è più che giusto così. Anche ieri sera, l’ex capitano bianconero ha dimostrato contro il Bologna di avere ancora tanto da dire. Dopo l’esperienza di un anno al Paris Saint Germain, l’estremo difensore si è rimesso in gioco a 41 anni accettando un nuovo ruolo alla Vecchia Signora, ovvero quello di vice Szczesny. Un gesto di umiltà importante – associato all’accettazione di uno stipendio modesto – oltre che di amore per un club che non ha eguali.

Dopo essere stato per tanti anni sulla cresta dell’onda, Buffon ha deciso di chiudere la carriera da “comprimario” per il bene della sua Signora. In cambio riceverà con ogni probabilità altri record, ma se li merita tutti perché anche nell’anticipo dell’8a giornata contro il Bologna, l’ex numero uno ha guidato la difesa con la verve del leader e la freschezza di un ragazzino. La sua infinita esperienza lo rende prodigo di consiglio per i compagni e nonostante non sia spesso sollecitato dagli avversari, quando viene chiamato in causa sa essere ancora strepitoso.

Buffon: la scrivania può attendere

La parata nel finale – nonostante il fuorigioco del calciatore bolognese che avrebbe vanificato l’eventuale gol – è da top mondiale nel ruolo. La controprova non c’è, ma tanti estremi difensori che sono al momento sulla cresta dell’onda probabilmente non ci sarebbero arrivati. È stato un volo d’angelo, avrebbero detto i commentatori d’altri tempi, che a molti ha ricordato una parata che è divenuta celebre durante il Mondiale conquistato dall’Italia a Berlino. Dopo aver firmato un contratto per un solo anno, si parla da settimane di un prolungamento per Buffon, con il rinvio dell’incarico societario promessogli da Agnelli. Szczesny non potrebbe avere comprimario migliore. Giusto rinviare l’appuntamento con la scrivania.