Pogba: il Real sorpassa la Juventus, strada in salita per Paratici

Il “Polpo” si sarebbe già promesso a Zidane

pogba real madrid juventus

Secondo quanto riferiscono fonti spagnole e francesi, il Real Madrid è nettamente in vantaggio sulla Juventus per assicurarsi le prestazioni di Paul Pogba. Il 27enne centrocampista francese, che ha un contratto in scadenza con il Manchester United nel 2021, preferirebbe infatti trasferirsi alla corte di Zinedine Zidane piuttosto che vestire di nuovo la maglia bianconera. L’allenamento del ‘Polpo’ con la maglia della Juve in occasione della positività al coronavirus di Blaise Matuidi, dunque, ha solo alimentato facili entusiasmi.

Pogba: il Real mette la freccia sulla Juventus

Secondo quanto riferisce AS, a ottobre scorso un incontro a Dubai tra Pogba e Zidane avrebbe posto le basi per l’operazione da completare proprio la prossima estate. Non sarà comunque semplice, perché i rapporti tra l’agente Mino Raiola e i Red Devils sono ai minimi termini e lo United vanta una clausola per il rinnovo automatico e unilaterale fino al 2022. Secondo quanto riferisce L’Equipe, Pogba starebbe addirittura valutando se fare ricorso all’articolo 17 del regolamento Fifa, che gli consentirebbe di liberarsi dal club inglese per 50-60 milioni, molto meno della cifra richiesta dal club di Manchester (minimo 100 milioni).

La Juve aspetta e spera

Insomma, alla Juventus non resta che fare da spettatrice e attendere di capire se invece si possa aprire uno spiraglio, magari approfittando della notizia giunta nei giorni scorsi secondo cui l’emergenza coronavirus avrà un impatto importante anche su costi dei cartellini e stipendi dei calciatori. Nella migliore delle ipotesi, l’acquisto di Pogba sarebbe un’operazione da circa 150 milioni, cifra che Fabio Paratici vorrebbe abbassare con una contropartita tecnica (si sono fatti i nomi di Douglas Costa e Pjanic, no allo scambio de Ligt). Molto dipenderà dalla volontà del calciatore: se l’ex numero 10 bianconero deciderà davvero di mettersi al servizio di Zidane, per la Signora non ci sarà nulla da fare.