Pirlo: “Sono ancora arrabbiato per la partita con l’Atalanta”

Le parole del tecnico della Juventus alla vigilia della trasferta col Parma

pirlo intervista parma juventus

Niente conferenza stampa nemmeno oggi per Andrea Pirlo, che ha parlato al solito a JTV per anticipare i temi di Parma-Juventus in programma domani sera. Il tecnico bianconero ha subito messo in guardia i suoi dalle insidie rappresentate dalla squadra di Fabio Liverani. “È una squadra che sta facendo bene, da quando hanno cambiato modulo hanno fatto risultati importanti, positivi, in campi come Genova, a Milano col Milan. È una squadra che si sta riprendendo – prosegue – ha cambiato modo di giocare. Bisogna stare attenti: si gioca dopo 3 giorni, ci sarà da riprendere forze fisiche e mentali”.

Inizialmente sembrava una squadra con poco equilibrio, ma ora il Parma è diventata formazione molto abile a chiudersi e tradizionalmente queste partite sono complicate per la Juve. “Che partita mi aspetto? Una partita classica, dove loro cercheranno di difendersi e di ripartire. Hanno giocatori veloci nelle transizioni come Gervinho e Karamoh. Bisogna stare attenti a fare le preventive quando siamo in possesso. Liverani? Da giocatore era grandissimo tecnicamente, anche di testa… pensava prima a come ricevere la palla. Da allenatore mette in campo le stesse idee. Ha fatto bene a Lecce, sta confermado a Parma con una società nuova e una squadra nuova. Un po’ di tempo va dato anche a lui”, insiste Pirlo.

Pirlo: “Ancora arrabbiato per la partita con l’Atalanta”

Tornando per un attimo alla partita di mercoledì contro l’Atalanta, Pirlo è ancora arrabbiato per i due punti lasciati per strada. “Ho ancora un po’ di rabbia, avevamo fatto una buona partita contro una grande squadra. C’è rammarico di non aver sfruttato le occasioni create e non aver portato a casa i tre punti – ribadisce – Stiamo bene e l’abbiamo dimostrato anche in una gara intensa come con l’Atalanta. Giocato allo stesso livello, a volte anche superiori fisicamente. Non mi preoccupo su quest’aspetto. Ma giochi ogni 3 giorni poi devi recuperare alla svelta. Miglioramenti? Stiamo progredendo in tutte le zone, a volte facciamo meglio la fase difensiva, a volte quella offensiva. Ma la squadra sta crescendo nel complesso”.

Effettivamente nelle ultime uscite si è vista una crescita dal punto di vista del gioco ed è quello che fa essere ottimisti per le prossime settimane. “Adesso stiamo attaccando meglio, con giocatori che hanno più caratteristiche di andare nello spazio. Quando gli attaccanti vengono fuori dalle marcature – sottolinea Pirlo – bisogna riempire gli spazi dietro loro e lo stiamo facendo bene. Bisogna attaccare con gli interni. La squadra si sta compattando bene, la difesa anche. Su quel lato sono tranquillo, abbiamo trovato i giusti automatismi”.