Pirlo: “Chiesa e Morata titolari con la Samp, Fagioli resta da noi”

Le parole di Andrea Pirlo alla vigilia di Sampdoria-Juventus, 20.a giornata di Serie A

pirlo conferenza stampa sampdoria juventus

Andrea Pirlo ha parlato in conferenza stampa alla vigilia di Sampdoria-Juventus, gara valida per la 20.a giornata di Serie A 2020-2021. Il tecnico bianconero mette subito in guardia i suoi sulle insidie della partita: “È una buona squadra che viene da un ottimo periodo. Ha fatto vittorie anche importanti – evidenza – è in un periodo positivo, ha avuto anche innesti importanti, di grande qualità, che hanno allungato la rosa. Sarà una partita difficile come tutte quelle che si giocano contro Mister Ranieri, allenatore molto preparato e che stimo molto. Sarà difficile. Con le difese chiuse bisogna avere pazienza, non forzare le giocate e farli aprire muovendo da una parte all’altra. Quando troviamo il momento giusto andiamo nello spazio dove imbucare. Loro si metteranno dietro con le due linee da 4 e faranno grande densità. Ranieri è un allenatore che tiene le linee molto strette, servirà pazienza”.

In questi giorni si parla tanto dei giovani lanciati in prima squadra da Pirlo, che evidenzia come ci sia continuità con l’Under 23: “Devono essere bravi per giocare nella Juve, è la cosa più importante. Il progetto giovanile e della seconda squadra è comune a tutti, la Juve lo porta avanti da anni, con allenatori e giocatori capaci che hanno voglia di giocare a calcio. Interpretano tutti un calcio propositivo, da mister Zauli a Bonatti. Ci sentiamo spesso io e Zauli per confrontarci sui ragazzi, quando vengono da noi ad allenarsi o quando scendono da loro per giocare. È un bel rapporto e siamo contenti del progetto”.

Pirlo: “Fagioli non parte”

A proposito di giovani, in queste ore alcuni sono finiti sul mercato, altri sono stati prenotati. Tra le trattative in uscita è spuntato il nome di Fagioli, ma Pirlo è chiarissimo: “Resterà in prima squadra o farà la spola? Ha fatto bene l’altra sera. Si è aggregato a noi anche perché è partito Portanova e per sostituirlo nella rosa abbiamo pensato a lui fin dall’inizio di gennaio. Farà parte della Prima Squadra e in qualche occasione potrà andare con l’U23. Khedira? Si sta allenando con noi da inizio stagione, il mercato chiuderà a breve poi vedremo il da farsi. Di lui abbiamo già parlato in passato. Come ho detto, stiamo bene così, poi il mercato è fatto di opportunità, se ci sarà la coglieremo. Ho giocatori forti in attacco, disponibili anche a fare più ruoli, ci adatteremo anche a restare così, sono giocatori forti che possono continuare in questa stagione”.

Sui giornali si è parlato tanto della trasferta di Ronaldo in Valle d’Aosta, ma Pirlo dribbla abilmente: il calciatore era nel suo giorno libero e la società esce da ogni responsabilità e non lo multerà. “Aveva il giorno libero, ognuno nella vita privata è libero di fare ciò che crede. Noi siamo qua e quando sono qua sono sotto il mio controllo, quando sono fuori sono cittadini liberi, quindi ognuno si prende le proprie responsabilità”.

La formazione Juve anti-Samp

Ovviamente, il clou delle domande sono sulla formazione di domani, che non sarà influenzata dal successivo Inter-Juve: “La scelgo solo in base a domani, non all’Inter. Si guarda una partita alla volta, lo sanno i giocatori, domani c’è un avversario temibile come la Samp e in base a quella scegliamo la formazione. Oggi dovrebbero allenarsi tutti in gruppo, tranne Dybala – prosegue – che sta cercando di recuperare e lo valuteremo giorno per giorno, ogni tanto sente ancora qualche fitta nel ginocchio, però speriamo di essere sulla strada buona. De Ligt o Chiellini? Non abbiamo deciso. De Ligt è stato fuori un po’ e l’altra sera ha fatto la prima, ora abbiamo un tour de force di tante partite importanti, ci sarà da recuperare bene e vedere chi starà meglio per metterli in campo. Difesa a tre con De Ligt, Bonucci e Chiellini? Ora abbiamo tutti, ci saranno rotazioni. A volte giocheranno tre difensori, a volte due. Dipenderà dalla partita. Chiesa titolare? Sta bene. Veniva da un infortunio alla caviglia, ma è entrato bene. E domani partirà dall’inizio. Ronaldo e Morata? Domani partiranno loro due davanti. Lo spagnolo teme la concorrenza? Lui è tranquillo, non ho detto che è in difficoltà, ma veniva da un periodo di inattività perché si era fatto male e stava molto bene. Purtroppo ha avuto un piccolo acciacco, ma è tornato a fare bene. Ha giocato l’altra sera e siamo anche riusciti a farlo riposare per un po’ di minuti. Sarà al top. È un ragazzo che conosciamo bene, vive di entusiasmo, bisogna riportargli questo. Sa che è importante per la Juve, ha fatto molto bene e tornerà ai suoi livelli. McKennie? È talmente giovane che può migliorare in tutto. Siamo stati bravi ad andare a prenderlo prima di tutti in Germania, siamo contenti di averlo. È un ragazzo umile che ha voglia di migliorare, sicuramente può farlo soprattutto a livello tecnico, dove è un po’ sporco nelle ricezioni, nel movimento con il corpo, in quello può migliorare. Ma è sano, sa che non è arrivato e questo è già un bel punto di partenza”.