Pirlo: “Bonucci KO per l’Atalanta abbiamo diverse soluzioni”

Il tecnico della Juventus ha però dribblato le domande sul futuro alla vigilia di Atalanta-Juventus

pirlo conferenza stampa atalanta juventus coppa italia

Andrea Pirlo non vuole sentir parlare di futuro ed è concentrato al massimo per vincere la Coppa Italia. Nella conferenza stampa della vigilia di Atalanta-Juventus, il tecnico bresciano ha detto: “Con l’Atalanta sai dove vai a finire. Ti fa alzare il ritmo, gioca con intensità, ti porta a giocare una partita a livello europeo. Loro conoscono noi, sappiamo a cosa andremo incontro, non credo sarà una partita molto diversa dalle altre due. Torna il pubblico? Cosa bella, entusiasmante, abbiamo avuto la fortuna di giocare in Champions con quasi 20mila spettatori e noti la differenza. Ci sono squadre più abituate a pressioni e tifosi che ti spingono alle spalle. Abbiamo bisogno anche di stimoli, alle volte è mancata. Bologna? Ci siamo guadagnati la finale, abbiamo voglia di portare a casa questo trofeo, la Coppa Italia”.

Pirlo: “Bonucci out, Dybala sta bene”

Quanto alla formazione che affronterà domani sera la Dea, oltre allo squalificato Alex Sandro non ci sarà Leonardo Bonucci: “Ha avuto un problema al ginocchio, ieri mattina in allenamento e non sarà a disposizione. Una distorsione e non sarà a disposizione. L’aspetto mentale non cambierà, siamo concentrati sulla finale, ciò che è successo domenica è passato e non deve intaccarci mentalmente, perdere energie. Poi parleremo di domenica prossima. Domani siamo concentrati al massimo per portare a casa il trofeo. Ronaldo-Kuluisevski in attacco? Abbiamo diverse soluzioni per domani – continua Pirlo – non era la prima volta che Kulusevski giocava in quella soluzione. Può esserlo dall’inizio o in corso. Poi domani decideremo. Dybala? Sta bene, come ho detto prima, si è allenato bene e ha giocato una buona partita. L’altro giorno non c’è stato modo di metterlo in campo. È a disposizione, pronto per giocare. Come sta la squadra? Sta molto bene la Juve. Guardiamo i dati a fine allenamento e ci danno ragione. Corre più degli altri, sprinta più degli altri. Nonostante fossimo in 10, con l’Inter abbiamo lavorato bene. Con il Milan abbiamo corso uguale. Conta la testa di più, se la testa sta bene – insiste – poi il fisico arriva da sé”.

Quanto al suo futuro, la risposta non cambia rispetto alle ultime uscite: “Ho già risposto mille volte, continuo a rispondere allo stesso modo: penso a finire il mio lavoro, cercando di vincere la partita di domani e poi domenica. Per il futuro – conclude – ci sarà tempo per parlare”.

Chiellini: “Mia ultima finale, non ci penso”

Di fianco ad Andrea Pirlo, c’era in conferenza stampa capitan Giorgio Chiellini, che ha ribadito come non bisogna pensare all’ultima giornata, ma concentrarsi solo sulla finale di Coppa Italia. “Siamo pronti, poi questa è una partita a sé. A prescindere dai risultati degli ultimi match, l’avremmo preparata allo stesso modo, con voglia di vincere un trofeo. Non è scontato arrivare a questo punto. Queste ultime due vittorie – ammette – ci hanno dato una spinta importante, ma siamo concentrati e consapevoli delle difficoltà. Abbiamo fatto anche due ottime partite a livello difensivo. Nelle ultime 10-12 partite abbiamo subito troppo, commesso tanti errori che ci hanno portato a subire troppo. Si è alzato notevolmente il numero dei gol a stagione. Fino a poche giornate fa eravamo stati la miglior difesa o comunque ce la giocavamo. Abbiamo concesso tanto, dovremo essere attenti L’Atalanta l’abbiamo affrontata un mese fa e la conosciamo bene. Speriamo che questo campo ci porti bene come la Supercoppa”. 

Sarà comunque una gara differente rispetto al trofeo vinto contro il Napoli. “​Due squadre differenti, l’Atalanta è diversa dal Napoli. Dà ritmo, è più arrembante rispetto al Napoli – aggiunge Chiellini – Sarà sulla falsariga di quanto accaduto a Bergamo, molto equilibrata. Poi i dettagli fanno la differenza. Avevamo fatto una buona partita, creando qualche occasione e rischiando poco. Poi sono stati bravi e fortunati in quel tiro quasi al novantesimo che li ha portati a vincere. Speriamo possa finire in maniera diversa. Mia ultima finale? Sono onesto, sono tanto concentrato su queste partite, ne penso una alla volta. Ho finito l’Inter, ora la finale, poi il Bologna. Tutte le valutazioni si fanno a fine stagione. Siamo concentrati sulle partite. Ci giochiamo un trofeo, la Coppa, ogni discorso toglie energia a ciò che mi serve, affrontare questi avversari domani”.