Khedira verso la Premier: “Sarebbe un sogno, se chiama Mourinho…”

Il centrocampista tedesco che dovrebbe rescindere con la Juventus si “propone” al campionato inglese

khedira premier league

Sami Khedira non ha ancora ufficialmente aperto alla rescissione con la Juventus, ma qualche segnale ni questo senso arriva dall’ultima intervista concessa ad una TV tedesca e riportata da Sportmediaset. Ieri la Bild ha scritto di una risoluzione consensuale con la Juve da consumarsi a gennaio e, anche se in Italia non giungono conferme in tal senso, qualcosa si evince dall’ultima intervista rilasciata dal numero 6 bianconero. Scartata la Major League Soccer americana, dopo aver giocato in Serie a, Bundesliga e Liga Spagnola, a Khedira manca solo la Premier League tra i campionati top: “L’atmosfera, lo stile e l’idea di calcio che hanno gli inglesi, mi hanno sempre impressionato. Se questo sogno si realizzerà, sarà un onore”, ha dichiarato.

“Sono davvero felice e soddisfatto della mia carriera, ma sento che mi manca ancora una cosa. Da bambino è sempre stato un sogno diventare un giocatore di Premier League – ha proseguito Khedira a Sky Sport Germania – Ho sempre visto molte gare di Premier League da quando ero piccolo, ma ora sto seguendo molto di più questo campionato. Sono sempre stato felice di giocare in Champions League contro i club inglesi”, ha aggiunto. Poi manda chiari segnali al Tottenham, club allenato da José Mourinho, allenatore con cui ha già lavorato al Real Madrid.

Khedira: “Mourinho un campione, non gli direi di no”

“Mourinho? È il migliore per cui abbia giocato lo è per la sua personalità. È sempre onesto – insiste il tedesco – diretto, chiaro. Molte persone dicono sia un allenatore troppo difensivo, ma è un vincente, è un campione. Mi è piaciuto molto lavorare con José, ma ci sono molti allenatori con cui mi piacerebbe lavorare. Non direi mai più di no a Mourinho, ma non è l’unico coach con cui mi piacerebbe lavorare di nuovo”, ha concluso.

Insomma, se come si dice in Germania presto Khedira e la Juve trovassero l’intesa per rescindere (il tedesco dovrebbe rinunciare a 3 milioni di euro), la sua prossima squadra potrebbe essere un club di Premier League.