Juventus calciomercato: Locatelli 1.a scelta a centrocampo, Jorginho 2.a

Dopo il riscatto di McKennie, la Juve lavora per acquistare almeno un centrocampista a giugno

juventus calciomercato locatelli jorginho

Dopo il riscatto di Weston McKennie, la Juventus continua a programmare le prossime mosse per il calciomercato estivo. La priorità è un altro centrocampista, cui dovrà fare inevitabilmente spazio uno di quelli che ha fin qui deluso (Aaron Ramsey più di Adrien Rabiot). L’edizione odierna di Tuttosport fa il punto sulle trattative dei bianconeri e in mediana il nome in cima alla lista rimane quello di Manuel Locatelli, classe 1998 attualmente in forza al Sassuolo. Fabio Paratici segue il ragazzo da tempo, ma fin qui si è scontrato con la ferma volontà del Sassuolo e del suo allenatore di non privarsi del ragazzo.

Juventus calciomercato: Locatelli prima opzione

In estate, però, sarà difficile trattenere ancora Locatelli in neroverde, perché il ragazzo che disputerà gli Europei ha già detto chiaramente di voler competere con un club per obiettivi superiori a quelli attuali. Vuole giocare in Europa e visto che considera il Milan un capitolo chiuso, la Juventus rappresenta per lui la soluzione migliore. Il resto lo faranno i rapporti tra le dirigenze, che sono comunque ottimi e porteranno alla chiusura dell’affare intorno ai 35-40 milioni di euro. Il calciatore, che attualmente percepisce al Sassuolo 700mila euro l’anno, in bianconero andrebbe a guadagnare intorno ai 3 milioni iniziali.

Jorginho, l’allievo di Sarri

Attenzione all’alternativa, però, ci sui si parla dai tempi della parentesi di Maurizio Sarri. Se Locatelli dovesse finire altrove (sembra che il Manchester City di Guardiola faccia sul serio e il club dello sceicco ha un portafoglio più ampio di quello bianconero), la Juventus si tufferebbe su Jorginho, che però di anni ne ha 30 e non sembra essere propriamente più un fulmine di guerra. Con il nuovo allenatore Tuchel al Chelsea l’italo-brasiliano è diventato inamovibile, ma il suo agente ha aperto più volte ad un ritorno in Italia, soprattutto che a chiamare fosse la big delle big. In questo caso, Paratici dovrebbe spendere per il cartellino qualcosa come 30 milioni (i blues lo avevano pagato dal Napoli il doppio), ma servirebbe uno stipendio da almeno 6 milioni l’anno.