Juve – Verona 1-1: la Vecchia Signora sbatte sugli Scaligeri

Il pari fra Juventus e Verona lascia l’amaro in bocca ai Bianconeri

juve verona 1-1 commento

Risultato bugiardo quello fra Juventus e Verona all’Allianz Stadium di Torino: è 1-1 al triplice fischio. Nella prima frazione di gioco la Juve cerca di intessere una manovra fluida, rapida, uscendo (quasi) sempre da dietro senza mai buttare il pallone nemmeno sotto tortura. In fase di non possesso, invece, Madama non attua un pressing forsennato sul primo portatore di palla avversario, bensì assume un atteggiamento leggermente più equilibrato. Di fronte ai campioni d’Italia, una squadra spavalda, che gioca a viso aperto, con il baricentro altissimo, pericolosa in più di qualche occasione grazie a delle folate offensive che impensieriscono la retroguardia bianconera. Nella fase di non possesso, il Verona pressa a tutto campo, mostrando la sua abituale intensità agonistica e la sua solita brillantezza atletica.

Ma al netto di tutto, sono di marca juventina le occasioni da gol più nitide, quelle più clamorose: prima la traversa pazzesca colpita da Cuadrado con un collo pieno che fa letteralmente tremare il legno, poi il gol giottesco di Morata annullato per un fuorigioco di due centimetri analizzato con un microscopio da laboratorio. Nella ripresa l’undici di Jurić scende sul rettangolo verde con la stessa personalità del primo tempo, trovando la rete del vantaggio dell’ex Favilli scaturito da un obbrobrioso passaggio sbagliato in orizzontale di Bernardeschi, che di fatto dà il via all’azione dell’1-0 veronese. Subito dopo lo svantaggio i ragazzi di Andrea Pirlo reagiscono con veemenza, a testa bassa, creando svariate occasioni da rete per poi trovare il pari grazie a un gol sensazionale di Kulusevski, entrato in luogo di Federico Bernardeschi. Anche nel secondo tempo, frutto di un assedio, l’opportunità più ghiotta è targata Juve, ossia la traversa di un ottimo Dybala, che ha disputato una partita davvero degna di nota.

Questo 1-1 brucia, fa male, poichè immeritato per ciò che si è visto sul manto erboso in novantacinque minuti di gara. Sia chiaro, il Verona ha disputato un ottimo match, ma soprattutto dopo l’intervallo la Juventus avrebbe meritato di uscire dall’Allianz Stadium con tre punti in tasca. Dunque, a livello di classifica è un risultato purtroppo negativo, perchè arriva un secondo pareggio in seguito a quello dell’Ezio Scida di Crotone, ma la prestazione è stata positiva per lunghissimi tratti, ad eccezione di troppi errori tecnici individuali. Oggi la Dea Bendata non ha per nulla flirtato con la Vecchia Signora, però i segnali in ottica della supersfida di Champions contro il Barcellona in programma mercoledì 28 ottobre alle 21:00, a Torino, sono buonissimi. Pertanto, alla luce della prova fornita stasera da Bonucci e compagni, Pirlo potrà dormire sonni tutto sommato tranquilli.