Gosens: il piano Juve coinvolge anche Romero

L’esterno tedesco dell’Atalanta costa 40 milioni, il difensore argentino ha un riscatto fissato a 16

juve gosens romero

La Juve ha un piano per portare a Torino Robin Gosens e intende portarlo a termine nel prossimo mercato estivo. A fare il punto della trattativa è l’edizione odierna di Tuttosport, che ricorda come l’Atalanta abbia pagato il calciatore nell’estate del 2017 meno di 1 milione di euro. Proveniente dagli olandesi dell’Heracles Amenlo, a 26 anni il ragazzo ha raggiunto il pieno della maturazione diventando un calciatore di caratura internazionale. I numeri, del resto, sono inconfutabili: è un esterno che gioca davanti ad una difesa a tre, ma sa anche inserirsi in area e offrire assist importanti ai compagni. Nella stagione che volge al termine, le presenze tra tutte le competizioni sono 36 condite da 10 gol e 7 assist.

Gosens: esterno o terzino?

Uno score che ne ha fatto lievitare il costo del cartellino fino a 40 milioni di euro. E se non ci fosse la pandemia, probabilmente staremmo qui a parlare anche di cifre ben superiori. Le controindicazioni potrebbero essere sostanzialmente due: l’abitudine a giocare nel contesto di Gasperini, fuori dal quale in molti faticano; l’assuefazione a giocare esterno con alle spalle un trio difensivo. Insomma, se qualcuno pensa di farlo giocare terzino puro, sappia che potrebbero esserci delle controindicazioni.

Juve-Atalanta: incastro con Romero?

La Juventus sembra comunque decisa e non è per nulla spaventata dalla valutazione fatta dalla Dea. Piuttosto c’è da fare i conti con la concorrenza del Manchester City, che pur non attraversando un periodo finanziariamente d’oro, sa allettare i calciatori come pochi. Nell’operazione con la Juve potrebbe entrare anche Cristian Romero, difensore argentino che l’Atalanta ha preso proprio dai bianconeri in prestito biennale (a 2 milioni) con riscatto fissato a 16. Il club bergamasco ha intenzione di riscattare l’ex Genoa per poi eventualmente rivenderlo, visto che ha già richiesta di altri club europei. Dal suo addio la Dea potrebbe incassare circa 40 milioni e fare 80 con la cessione di Gosens.

Paratici proverà ad imbastire una trattativa magari chiedendo uno sconto maggiore appunto dei 16 milioni sul cartellino del tedesco. Un incastro non semplice, ma c’è tempo per lavorarci. In tempi di mercato creativo, la proposta di una doppia mega plusvalenza potrebbe far collimare gli interessi di entrambi i club.