Danilo: “Vlahovic ha una cosa più importante del talento”

Il difensore brasiliano della Juventus ha rilasciato una lunga intervista a DAZN

danilo vlahovic

Danilo, difensore brasiliano della Juventus, ha rilasciato una lunga intervista a DAZN. Capitano in Coppa Italia contro la fiorentina, l’ex Porto, Real e Manchester City è tornato sul gol importantissimo messo a segno contro l’Atalanta: “Me lo sentivo quando sono andato in area, Dybala ha crossato e sono riuscito a fare questo goal importantissimo per noi. Origini? Sono andato per la prima volta in spiaggia a 17 anni. Vengo da Bicas, una città in cui c’è una piazza e una chiesa e tutti si conoscono. Un posto molto piccolo”, ricorda.

I brasiliani spesso si sono rivelati poco gestibili per i club italiani, a volte più interessati al Carnevale di Rio che al calcio. “Non sono mai stato lì perché comunque ho lasciato il Brasile molto presto per andare in Portogallo – racconta Danilo – Il carnevale si vive in maniera diversa nelle città piccole: in quei cinque giorni di festa vedi la gente in maniera totalmente diversa rispetto al quotidiano. Si va in strada con canzoni a ballare, travestendosi”.

Dopo il Porto è arrivata la breve parentesi al Real Madrid, poi il Manchester City in Inghilterra. A proposito della parentesi britannica, Danilo ricorda cosa gli succedeva quando usciva di casa: “’Sei Danilo!’, e io rispondevo ‘Sì, posso prendere un caffè?’. La gente pensa che i calciatori fanno soltanto una vita particolare, ma a me piace tanto stare coi piedi per terra. I giocatori che hanno la fortuna di lavorare con Guardiola, se sono intelligenti, è come se facessero un corso d’allenatore”.

Danilo: “Alla Juventus nel momento giusto”

Poi è arrivato lo scambio con Cancelo e la nuova vita alla Juve: “Quando ho iniziato a giocare pensavo che avrei trascorso tanto tempo in una sola squadra, invece questo lungo viaggio – ammette – mi è servito tanto e mi ha fatto arrivare alla Juventus nel momento giusto”.

Vlahovic futuro campione

Infine, una battuta su uno dei suoi nuovi compagni, Dusan Vlahovic: “Può diventare un campione. Lui ha dentro questa cosa di non accontentarsi. L’ho visto nei primi giorni di allenamento. Già dal secondo giorno ha iniziato a incitare i compagni per recuperare palla. Ha la voglia di competere – conclude Danilo – e questo è più importante del talento”.