Conte e Paratici si fiondano su McKennie: la posizione della Juventus

Il centrocampista texano ha scalato le gerarchie in bianconero e non sembra essere più in vendita

mckennie tottenham juventus

Il Tottenham di Antonio Conte e Fabio Paratici si fionda su Weston McKennie. Il centrocampista texano ha un contratto che lo lega alla Juventus fino al 2025 e ad inizio stagione erano circolate voci poco rassicuranti sul suo futuro in bianconero. Complici anche certi comportamenti non in linea con lo stile Juve, anche in nazionale, l’ex Schalke 04 era finito nella lista dei sacrificabili, ma le cose sono cambiate, e di molto nelle ultime settimane.

McKennie è ormai uno dei titolari di Allegri

McKennie è diventato uno dei titolari di Max Allegri, unico centrocampista nella rosa della Juve in grado di buttarsi sempre dentro gli spazi creando scompiglio nelle difese avversarie. Al momento, dunque, non ci sono affatto segnali di divorzio, né a gennaio né a giugno. Le cose cambiano in fretta nel calcio e lo sanno bene anche Conte e Paratici, che però stravedono per il nazionale USA. Il dirigente poiché è stato proprio lui a portarlo a Torino; il tecnico leccese poiché intravede in McKennie lo stesso potenziale di Arturo Vidal.

Il centrocampista, lo ribadiamo, ha scalato le gerarchie nel reparto di centrocampo e la Juventus non se ne priverà. Piuttosto, tra i sacrificabili ci sono nell’ordine Ramsey, Rabiot e Kulusevski.