in

Chiellini: “Se vinciamo a Napoli è quasi scudetto”

chiellini intervista napoli juventus

Lunga intervista a Sky Sport per il capitano della Juventus, Giorgio Chiellini: nella settimana che porta al big match del San Paolo contro il Napoli, il numero 3 bianconero ha spiegato quale sia l’importanza di questa partita per i campioni d’Italia. “Vincere al San Paolo sarebbe quasi un ko definitivo – esordisce – Il Napoli si merita questa posizione, siamo noi che stiamo facendo qualcosa di straordinario, ma non dobbiamo pensare che si finita. Io a Napoli ho vinto poche volte, mi ricordo un 3-1 e l’1-0 di Gonzalo l’anno scorso. Ma è una squadra che mi ha sempre portato bene, segnando anche dei gol importanti. L’anno scorso fu una vittoria importante perché in tanti ci avevano fatto il funerale con troppo anticipo, dimostrando di essere una squadra tosta e avvicinandosi al Napoli che era +4. È una partita da tripla, contro una squadra tecnica e forte”.

Dopo aver parlato anche dell’addio di capitan Hamsik, Chiellini si è soffermato sul tecnico azzurro Ancelotti e sull’amico Insigne, con cui ha condiviso tante battaglie in nazionale. “Ancelotti? L’ho sempre stimato molto per la sua filosofia, credo che piano piano stia dando la sua identità. Non era facile dopo tanti anni con Sarri, con pochi giocatori nuovi. Con Insigne, a prescindere dalla rivalità in campo che è normale, in Nazionale c’è un ottimo rapporto. È un pregio perché non è semplice – insiste – Lui è un giocatore cresciuto molto oltre che tecnicamente anche mentalmente. È diventato un giocatore squadra, più decisivo e completo. Il futuro è suo, di Verratti e di questi giovani che potranno aiutare l’Italia a fare un salto di qualità. Stiamo già bruciando le tappe, speriamo che fra qualche anno saremo tutti a tifare per loro e che tornino a farci gioire davvero”.

> L’APPELLO DELLA QUESTURA DI NAPOLI: “NON INDOSSATE SIMBOLI BIANCONERI”

Chiellini: “Pensiero Champions non sia opprimente”

Nonostante l’importanza di Napoli-Juve, i tifosi bianconeri sono tutti concentrati sulla partita di Champions contro l’Atletico Madrid, in programma il prossimo 12 marzo. “Domenica sarà una grande partita contro una squadra che negli ultimi anni ci ha fatto sudare. Poi avremo il tempo per preparare al ritorno contro l’Atletico, ci dobbiamo pensare, ma non in modo opprimente – ammette Chiellini tornando alla brutta prestazione di Bologna – Nella testa e nelle gambe le trasferte di Champions le paghi sempre in modo diverso, poi non era facile avere anche un’altra trasferta in campionato. Era importante dare un’impronta di solidità e di squadra. Non siamo stati spumeggianti, ma solidi. Abbiamo fatto altri tre punti importanti dopo una sconfitta pesante”.