Calciomercato Juventus

Asensio stregato dalla Juventus e da Allegri

asensio juventus allegri

Marco Asensio non vuole più rimanere al Real Madrid e secondo le ultime indiscrezioni gradirebbe molto la soluzione Juve, ma è una strada percorribile?

Marco Asensio da giustiziere di Cardiff a calciatore della Juventus? L’indiscrezione circola ormai da diversi giorni e ora pare che sia proprio il calciatore a spingere per questa soluzione. L’attaccante classe 1996 ha un contratto con il Real Madrid fino al 2023, ma secondo quanto riferiscono i giornalisti spagnoli, non ha alcuna intenzione di rimanere in Spagna fino a quella data. Punzecchiato sulla necessità di prendersi più responsabilità nello spogliatoio del Real, Asensio ha replicato che nella “Casa Blanca” ci siano calciatori ben più esperti di lui e cui spetta il compito di trascinare l’ambiente.

Tutti gli indizi portano verso un divorzio, insomma, poiché a detta di tutti i campioni d’Europa sono a fine ciclo ed Asensio ha percepito molto bene questo sentimento. Inoltre, pare che il calciatore sia rimasto letteralmente estasiato dall’accoglienza di Cristiano Ronaldo alla Juventus, dalla qualità delle strutture del club bianconero e dalla costante crescita di club e rosa, tanto da ritenerla la squadra che dominerà a livello internazionale nei prossimi anni. E non è tutto, perché Asensio ha avuto buone relazioni sul lavoro svolto da Massimiliano Allegri con giovani come Paul Pogba e Alvaro Morata, che sotto la sua guida tecnica sono migliorati notevolmente.

Asensio: clausola da capogiro

Il responsabile dell’area tecnica della Juve, Fabio Paratici, monitora la situazione, ma c’è un ostacolo grande come una casa, ovvero la clausola rescissoria da 500 milioni di euro fissata da Florentino Perez dopo l’ultimo rinnovo di contratto. Il valore reale di Asensio non supera gli 80 milioni, una cifra che non spaventa la Juventus, così come l’ingaggio (4,4 milioni di euro), ma se il patron del Real non accetterà di trattare al di fuori della clausola, non se ne potrà fare nulla. Certo è che se il calciatore spingerà per la cessione, la sua pressione potrebbe essere funzionale alla riuscita dell’affare.

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi