Andrea Pirlo esonerato dalla Juventus: ora è ufficiale

Il tecnico bresciano chiude la sua esperienza sulla panchina bianconera dopo un solo anno

pirlo esonerato juventus

La notizia era nell’aria ma ora c’è anche l’ufficialità: Andrea Pirlo non è più l’allenatore della Juventus. Il tecnico bresciano saluta dopo una sola stagione, condita dalle vittorie di Coppa Italia e Supercoppa Italiana. Sotto contratto con il club bianconero fino al giugno del 2022, Pirlo percepirà, a meno che non trovi un’altra squadra, anche l’ingaggio per la prossima stagione da 1,8 milioni di euro. Al suo posto tornerà Massimiliano Allegri. Di seguito la lettera con cui lo saluta la Juventus.

La Juventus esonera Pirlo: “Grazie Andrea”

“Grazie, Andrea.

Sono le prime parole che tutti noi dobbiamo pronunciare al termine di questa esperienza speciale vissuta insieme.

Pochi mesi fa, Andrea Pirlo, icona del calcio mondiale, iniziava sulla panchina della Juventus una nuova avventura, la prima da allenatore.

Per farlo ci vuole innanzi tutto coraggio, oltre che consapevolezza dei propri mezzi, specie in un periodo segnato da mille difficoltà, con il mondo costretto dalla pandemia a reinventare le proprie regole giorno dopo giorno.

Lo ha fatto anche Andrea: ha iniziato (e di questo siamo sicuri: la sua sarà una brillante carriera da allenatore) un viaggio di trasformazione, cercando, e spesso riuscendo, a portare le sue idee e la sua esperienza da fuoriclasse in campo dall’”altro lato” della barricata.

E siccome nel calcio quello che conta sono le vittorie che si mettono in bacheca, ricordiamole: in pochi mesi la sua Juve ha sollevato due trofei e ha portato a casa vittorie brillanti sui campi più prestigiosi, da San Siro al Camp Nou.

Per tutto questo, per il coraggio, la dedizione, la passione con cui ha affrontato ogni giorno, per i successi ottenuti, il nostro grazie arriva davvero dal cuore.

Così come il nostro in bocca al lupo per un futuro che sicuramente sarà bellissimo”.

Pirlo: “Un anno meraviglioso”

La risposta di Pirlo è arrivata tramite i suoi canali social ufficiali: “Si è conclusa la mia prima stagione da allenatore – attacca il tecnico bresciano – È stato un anno intenso, complicato ma in ogni caso meraviglioso. Quando sono stato chiamato dalla Juventus non ho mai pensato al rischio che correvo, sebbene fosse abbastanza evidente. Ha prevalso il rispetto per i colori di questa maglia e la volontà di mettermi in gioco ad altissimi livelli per il progetto che mi era stato prospettato. Se dovessi tornare indietro rifarei esattamente la stessa scelta, pur consapevole di tutti gli ostacoli che ho incontrato legati ad un periodo così difficile per tutti, che mi ha impedito di pianificare al meglio le mie intenzioni e il mio stile di gioco, ma durante il quale ho comunque raggiunto gli obbiettivi che mi erano stati chiesti. Quest’avventura, nonostante un finale che non mi aspettavo, ha reso ancora più chiaro quale vorrei fosse il mio futuro, che spero sia altrettanto completo e pieno di soddisfazioni come quello che ho vissuto da calciatore. È tempo di rimettersi in gioco e affrontare nuove sfide. Voglio comunque ringraziare la famiglia Juventus e tutti quelli che mi sono stati vicini in questa stagione”.