Allegri: “Dybala, Chiellini e Alex Sandro titolari contro l’Inter”

Le parole del tecnico della Juventus nella conferenza stampa alla vigilia del derby d’Italia con l’Inter

allegri juventus inter conferenza stampa

Massimiliano Allegri non si sbilancia alla vigilia di Juventus-Inter. A chi gli chiede in conferenza stampa in che condizioni è la squadra, il tecnico livornese replica: “Lo vedremo domani. Ora possiamo dire che stiamo bene, ma domani dobbiamo giocare questa partita. Per quanto riguarda i giocatori recuperati, Chiellini è già rientrato, Bonucci verrà in panchina ma è indietro, Zakaria e Alex Sandro sono recuperati. Siamo quasi tutti abili e arruolabili. Chi gioca? Alex Sandro sì, Zakaria devo decidere. Chiellini parte titolare. Danilo a centrocampo? Non so ancora la formazione che farò giocare. Danilo difficilmente giocherà a centrocampo anche perché li ho tutti e 4. Chi farò star fuori sarà un dispiacere. Cuadrado e Morata? La formazione di domani è impossibile da indovinare. Bernardeschi è recuperato, sta meglio e potrebbe essere tra i titolari”.

Allegri: “Addio Dybala? Scelta condivisa”

Poi, il tecnico livornese annuncia che Paulo Dybala sarà regolarmente in campo dal 1’, anche se il suo futuro sarà lontano dai bianconeri. “Tagliamo la testa al toro. Domani Dybala gioca. Però mi siete mancati, avete passato una bella sosta? Con la società siamo in linea su tutto. Quando parliamo – aggiunge – io espongo le mie idee, la società espone le sue e alla fine troviamo un’unità di intenti per programmare e andare avanti. Quando le scelte vengono fatte si fanno tutti insieme. Perché Dybala non è più al centro? Arrivabene ha parlato chiaramente, io ho dato una risposta oggi. Una volta fatte delle scelte sono quelle. Non è il primo caso di calciatore che cambia società. Non c’è solo lui, ce ne sono altri in scadenza. Dobbiamo stare concentrati. Mancano 50 giorni circa a maggio per raggiungere i nostri obiettivi. Paulo all’Inter e Pogba alla Juve? Già non faccio il mercato, do solo indicazioni insieme alla società. Se mi fai fare quello dell’Inter no, addirittura quello del Manchester. Ognuno farà le sue valutazioni”.

Soffermandosi sul derby d’Italia, ovviamente Allegri prova a caricare di pressione i nerazzurri e di sollevare i suoi. “Quando ci sono queste partite, il derby d’Italia, è difficile dirlo. L’Inter, insieme a Napoli e Milan, è una candidata a vincere lo scudetto. Noi domani dobbiamo fare una grande prestazione per continuare il percorso iniziato e cercare di consolidare il quarto posto e battere la squadra campione d’Italia. Chi rischia di più? Io parlo per la Juventus, dobbiamo pensare al quarto posto. Siamo quarti, potenzialmente abbiamo solo 5 punti dall’Atalanta. Dobbiamo essere concentrati sulla partita di domani sera, poi vedremo in che posizione saremo. Non giochiamo per far perdere lo Scudetto all’Inter, ma per far punti per arrivare nelle prime quattro. Il nostro obiettivo è giocare la Champions”.

Il supporto di John Elkann e il ritorno di Tevez

A proposito delle parole di John Elkann, che ha garantito il futuro della Juventus, Allegri dice poi: “Mi hanno fatto piacere. Io sono sempre stato sereno – aggiunge – perché lui non ha mai fatto mancare la sua presenza. Sappiamo quanto la Juve sia importante per la famiglia. Sono partiti tutti insieme cercando di costruire un futuro per riportare la Juventus a vincere nel più breve tempo possibile. Quest’anno siamo cresciuti molto, ma non abbastanza per vincere: l’anno prossimo dobbiamo farci trovare ai blocchi di partenza in una situazione migliore”.

Infine, una battuta sul ritorno di Tevez allo Stadium: “Sono contento di rivederlo domani sera – ammette Allegri – perché è stato un giocatore importante, straordinario per la Juve. Ho allenato tanti campioni e quando li ritrovo mi emoziono sempre. Sono stati dei giocatori talmente bravi, che hanno suscitato emozioni nelle loro giocate, nel modo di giocare le partite, mi hanno lasciato tanto. Sono molto contento domani sera di poterlo rivedere”.