in

Allegri: “Bonucci meno grave del previsto, chi gioca con l’Atalanta”

allegri conferenza stampa atalanta juventus

Massimiliano Allegri ha fatto subito il punto sugli infortunati alla vigilia di Atalanta-Juventus, match valido per i quarti di finale di Coppa Italia: “Pjanic e Khedira a disposizione, Mandzukic valuto oggi, ma sta bene. Cuadrado e Barzagli out. Bonucci anche out, ma l’infortunio è meno grave del previsto – sottolinea – quindi abbiamo la speranza di averlo prima possibile. Ci saranno cambiamenti domani, qualcuno riposerà e altri invece giocheranno”. Insomma, niente catastrofi da parte del tecnico bianconero, che anche se ha la coperta corta a centrocampo e in difesa, ha ben chiaro in mente come muoversi: “Abbiamo un infortunato e quattro centrali. Se sarà tutto in ordine – continua Allegri – , Caceres domani sarà a disposizione. Ora ne abbiamo tre. Anche De Sciglio può fare il centrale. Pensiamo partita dopo partita, un passetto alla volta”.

La formazione è praticamente fatta, dunque, ma Allegri non vuole dare punti di riferimento a Gasperini: “Dietro giocheranno Rugani e Chiellini, rientra Cancelo e a sinistra uno tra Spinazzola e Alex Sandro. A centrocampo – prosegue – e davanti non lo so nemmeno io. Ma veramente. Non si possono avere 8 centrali o 8 terzini. Se uno si fa male, ne giocherà un altro. All’interno di una stagione ci sono gli imprevisti e vanno gestiti con serenità. Dopo vado al campo e vedo, pensando anche che potrebbero esserci i tempi supplementari, con qualcuno che ha fatto tante partite. Senza scordare – insiste – che sabato abbiamo un’altra partita. Dei centrocampisti Matuidi è quello che potrebbe giocare di più perché domenica ha riposato. Ronaldo ha bisogno di riposare? Adesso vediamo. Cristiano sta facendo grandi cose a livello fisico oltre che di gol. A livello di quantità siamo come a Madrid, a livello di intensità fa di più qui. È anche vero che la stagione qui è più lunga e ci sta sia un momento di rifiatare, anche se questa è la settimana più lunga perché avremo tante partite ravvicinate. In porta Perin? No, gioca Szczesny perché ha giocato domenica e voglio dargli continuità. Perin gioca sabato col Parma”.

Allegri: “Dybala ? E’ una cosa mentale”

Per alcuni Dybala è un caso: gioca più lontano dalla porta e questo lo porta ad essere meno lucido in fase di conclusione, ma per Allegri non ci sono problemi, anzi, in posizione più arretrata il numero 10 è più utile alla squadra: “Con Paulo ci ho parlato tre giorni fa. Lui azioni da gol ne ha sempre. L’azione del gol di Cancelo è la classica azione in cui lui fa gol o chiude l’azione. L’azione di rimorchio in cui inizia l’azione e la finisce, poi è stato bravo lì il portiere a fare quella parata. Ma ne ha avute tante occasioni, l’unica differenza – sottolinea ancora il tecnico bianconero – è che avendone tre davanti due a turno si sacrifichino un po’ di più e su questo ci dà una grossa mano, come ce la dà in fase di costruzione, in cui gioca e si diverte di più. Ma come in tutte le cose c’è un processo a livello mentale. Lui mentalmente sentendo, leggendo, pensa che gioca in una posizione diversa e non fa gol. No, le occasioni le ha avute lo stesso. I gol li può  fare lo stesso”.