Juventus-Udinese, tutto in una settimana | JMania

Juventus-Udinese, tutto in una settimana

Juventus-Udinese, tutto in una settimana

(Di Alessandro Magno) Per fortuna che c’è la giustizia Divina che è più giusta di quella sportiva. Inimmaginabile un così bel filotto di risultati utili per la Juventus. Pari per Napoli, Lazio, Fiorentina, Inter, Roma. Ha vinto il Milan, però ha una distanza siderale. Abbiamo in un solo giorno recuperato quei tre punti persi in …

conte-agnelli(Di Alessandro Magno) Per fortuna che c’è la giustizia Divina che è più giusta di quella sportiva. Inimmaginabile un così bel filotto di risultati utili per la Juventus. Pari per Napoli, Lazio, Fiorentina, Inter, Roma. Ha vinto il Milan, però ha una distanza siderale. Abbiamo in un solo giorno recuperato quei tre punti persi in malo modo con la Samp anche se chiaramente sarebbe stato meglio avere anche quelli. La settimana era iniziata con la votazione per i vertici federali che ci ha visto completamente esclusi. Abbiamo scritto del grave errore fatto dal Presidente Andrea Agnelli nel fidarsi dei suoi carnefici e infatti così è stato. La Juventus è completamente estromessa ”dalla stanza dei bottoni” e anche Angelli se ne è lamentato, fra l’altro deriso da presidentucoli come Pulvirenti e Cairo. Nessun problema a starne fuori, anzi meglio, trovo però davvero una mossa alquanto bizzarra dichiarare che ”si è visto che si scambiavano poltrone” e poi votare Abete. Meglio, molto meglio, scheda bianca e denunciare la cosa subito. Inutile lamentarsi dopo quando ormai ti hanno fregato. Ancora più bizzarro, se vogliamo usare un eufemismo, l’atteggiamento di alcuni che hanno scritto della questione avventurandosi in congetture inventate di sana pianta, come se loro conoscessero più di altri cosa passa per la testa al nostro Presidente. Ammazza che modo serio di fare giornalismo! Si sono tentati anche diversivi come andare ad attaccare ”parafulmine” Del Piero, della serie: ”Quando non c’ho ndo cazzo andare a parare ‘na bella polemica su Del Piero paga sempre”… Infatti distrae. In guerra si chiama ”diversivo”. Non so con chi son in guerra certi se con Abete o con Del Piero, ma evidentemente più col secondo. La cosa di cui sono praticamente quasi certo è che Agnelli nemmeno le ha chieste queste ”gentilezze”, ma per leccare non c’è mica bisogno di esser pagati, si sa, si può fare anche per puro piacere di leccare.

E veniamo alla polemica numero 2, quella sull’ asse Napoli. Ai partenopei son stati tolti i due punti di penalizzazione e annullate le squalifiche ai proprio giocatori. Ora escludendo la Juve, di cui sono tifoso e potrei risultare di parte, mi chiedo perché sono state penalizzate Atalanta, Siena, Torino? Perché è stato squalificato Portanova del Bologna? Che questi giocatori e queste squadre contano meno del Napoli nel palazzo e la lotta salvezza non è interessante come quella scudetto? Evidentemente si. Quindi poco importa di manipolare un campionato, visto che oggi il Siena rischia la B e invece negli ultimi posti ci dovrebbero essere le squadre di quei 3 gentiluomini di Zamparini, Preziosi e Cellino. Dite che vogliono provare a salvarli? Siete malpensanti! Io non lo so ma tutto può essere, ormai non mi stupisco di niente. Intanto i napolisti si son fatti riconoscere per quello che evidentemente sono (e dico napolisti e Napoli e i Napoletani non c’entrano un fico secco). Striscione contro Conte che si era detto contento del proscioglimento di Cannavaro e Grava e dei due punti restituiti al Napoli. Così si risponde a chi fa dichiarazioni cavalleresche è si comporta da gran signore. Complimenti napolisti come dice Tiziano Ferro: ”La differenza fra me e te”.

E veniamo alla partita, c’è stata pure la partita. Finalmente il campo. L’Udinese è stata completamente annichilita. Vittoria giusta , meritata, ineccepibile. Anche se… anche se c’è sempre da migliorare davanti. Il risultato non inganni, nel primo tempo ci siamo mangiati l’impossibile. La partita è stata sbloccata da un missile terra-aria, di ”polpo” Pogba, esecuzione e tiro, che con gli schemi di Conte non c’entrano un fico secco. Lo diciamo da un pezzo: ” Tiriamo di più”. Nella formazione ”originale” ci ascolta solo Marchisio, in questa, ci ha dato retta questo giovanotto di 19 anni che evidentemente un poco per indole e un poco per età, non sempre è ”inquadrato” a doppia mandata negli schemi del mister come gli altri. E falla sta pazzia Paul, tira Pual, tira!  Non sto criticando Conte, sto solo dicendo di variare la fase d’attacco e che non sempre si può entrare in porta col pallone. Altra cosa che il mister deve capire una volta e per sempre è di rinunciare alla ”strana-coppia”. Vucinic e Giovinco non si integrano e non è un caso che la Juve ha giocato meglio nel secondo tempo con Matri. Questa non è una questione di piedi buoni, se ce li ha meglio Giovinco di Matri. E’ una questione di tempi, di spazi e di movimenti. Matri è una punta ha movimenti diversi dagli altri due che invece si pestano i piedi. Il calcio in fondo è anche un gioco semplice e non è che c’è tutto questo margine per inventare. In un attacco a due devono giocare una punta e una mezza punta non due mezze punte. Vucinic e Giovinco sono alternativi e non complementari in questo schema.

Comunque alla fine l’importante è che si è vinto. Domenica sera ho visto Roma-Inter dato che alla tv non c’era granché, è son rimasto inorridito. Due squadre che praticano il peggiore calcio anni 80 altro che maestri o nuovi fenomeni. Dopo 27 minuti di gioco le squadre erano così lunghe in campo che sembrava stessero giocando i tempi supplementari. Palle buttate lunghe e giocatori a tentare iniziative solitarie e percussioni. Bello schifo davvero. Non l’ho finita di vedere, al 60mo mi son arreso. Amici mi han aggiornato poi sul risultato e su quanto fosse stato giusto in quanto l’Inter aveva fatto pena nel primo tempo, mentre la Roma invece nella ripresa. Quindi un tempo di pena a uno e pari giusto! Non me ne voglia chi non è Juventino e magari mi legge, si fa per scherzare come dice Benigni. La cosa che voglio dire in conclusione è questa: la Juventus davvero ha un’organizzazione di gioco superiore alle sue avversarie italiane (anche il Napoli se perde Cavani per un’ influenza non arriva neppure in Europa League). Noi non dobbiamo solo crogiolarci di questo. Il mercato offre opportunità importanti, a noi come agli altri. A memoria ricordo che siamo passati da un settimo posto a uno scudetto inserendo in squadra poi 3-4 giocatori, non spendendo neppure tantissimo. Quindi occhi aperti e mai accontentarsi, non fate giocare più insieme la strana-coppia almeno se si gioca a 2 punte e comprateci un centravanti di valore finché il mercato è aperto. Non mi sembra di chiedere troppo.

5 commenti

  1. medmar la prossima volta giuro mi prendo un digestivo prima. 😀

    Arpharazon mi trovi d’accorso sull’azionariato popolare solo convinto nonostante tutto che Agnelli cerchi di fare il buon presidente nonostante alcuni errori ma davvero mi piacerebbe che si chiarissero definitivamente alcuni aspetti.

    Alessio con me sfondi una porta aperta. Uno perche’ lo trovo un poco scemo acchiappare multe cosi due perche’ e’ da granata o viola prensersela col napoli quando non ci giochiamo e oltretutto gli si da anche un importanza che non hanno e tre perche’ si manca soprattutto di rispetto a tantissimi napoletani e meridionali juvemtini.
    sono meridionale pure io nonostante viva a torino da moltissimo e non a caso uso sempre parlare di napolisti. 😀

  2. Ciao Magno, bell’articolo. Una cosa sola nn comprendo: mi spieghi che senso hanno i cori “Lavali col fuoco” indirizzati ai tifosi del napoli e ai napoletani in una partita in cui nn ci giochiamo contro?altra multa di 10000 euro e solite lamentele da parte loro, che abusano di vittimismo. Non lo dico perchè vivo in provincia di Napoli, ma perchè non la si si smette?che cosa aspettiamo che ci squalifichino il campo?tanto prima o poi accadrà, è una certezza, vogliono solo questo e noi continuiamo a servirgli assist al bacio.

  3. Causa lontananza da casa ho potuto informarmi solo adesso di questa storia tragicomica tipica italiota(quanto mi secca parlare male di questo paese).Comprendo la scelta fatta da AA,ma ovviamente non la giustifico.Io lo penso dall’ “affaire Conte” :per il bene della Juventus gli Agnelli dovrebbero fare un passo indietro e lasciare la Vecchia Signora a chi può amarla senza nessun infingimento,cioè ai loro tifosi.La soluzione è l’azionariato popolare.Sarebbe di certo un calcio più pulito ed anche più prolifico,vedi Bundesliga.Comprendo ovviamente rimarranno sogni fatti ad occhi aperti.Pazienza,diventeremo la periferia del calcio mondiale con buona pace di tutti.

  4. Alessandro Magno, mi meraviglio di te!!! Criticare il migliore allenatore del mondo? Criticare l’erede di Mourinho? Come, non hai visto lo spettacolo regalato da questi due profeti del calcio? Avevi forse già spento quando il portiere della Roma ha fatto una stupenda uscita permettendo a Chivu di rinviare? A Chivu? Ma non era passato all’Inter? Gioca ancora nella Roma? No, no, era con la maglia nerazzurra in fase di attacco, dentro l’area piccola a porta vuota: tiro a colpo sicuro e palla a trequarticampo. Pensiamo a noi: concordo con te che i due (grandi) gol di Pogba poco hanno a che fare col gioco di Conte; dico solo: visto che vogliamo entrare in porta col pallone magari prendiamolo ‘sto attaccante che ce lo butta ‘sto pallone in porta, mica può sempre risolverceli Pogba i problemi….

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi