Tottenham-Juventus: i bianconeri si qualificano ai quarti di Champions se…

Tottenham-Juventus champions league
© foto www.imagephotoagency.it

Tottenham-Juventus, gara di ritorno degli ottavi di Champions League 2017-2018, deciderà chi tra londinesi e bianconeri straccheranno il pass per i quarti. La Vecchia Signora ha gettato sostanzialmente alle ortiche la possibilità di un ritorno agevole, sbagliando prima un gol sul 2-0 con Higuain, fallendo poi con lo stesso argentino il gol del 3-1 e poi subendo il gol del 2-2 su un marchiano doppio errore di Buffon. Massimiliano Allegri nella conferenza stampa post partita è parso molto nervoso scagliandosi contro chi pensava che “si sarebbe vinto 8-0”. Il tecnico livornese, già alla vigilia di Juve-Tottenham aveva sottolineato che le percentuali sarebbero state “50 e 50” e lo ha sostanzialmente ribadito al termine della gara. Per via del risultato, però, indubbiamente nel ritorno di Wembley i londinesi partiranno in vantaggio.

Tottenham-Juventus: la Signora si qualifica se…

Oltre che perdendo la gara di ritorno, la Juventus sarebbe fuori dalla Champions League se pareggerà sia per 0-0 sia per 1-1. Con il 2-2, invece, i campioni d’Italia porterebbero il Tottenham ai supplementari, mentre con pari dal 3-3 in poi passerebbero il turno. Passaggio del turno in ogni caso di vittoria, anche per 1-0, poiché lo ricordiamo, i gol messi a segno in trasferta valgono doppi solo nel caso in cui il punteggio aggregato (somma dei gol di andata e ritorno) è perfettamente in parità.

Al di là del disfattismo che serpeggia tra moltissimi tifosi bianconeri, questa Juve ha le carte in regola per andare a fare risultato a Wembley. Ovviamente, il Tottenham ha dato prova di essere un avversario organizzato e molto tecnico, ragion per cui servirà una prestazione ben superiore di quella sfoderata all’Allianz Stadium. Per il ritorno in programma il 7 marzo, tra l’altro, Allegri è sicuro di recuperare due pedine importanti come Paulo Dybala e Blaise Matuidi, che potranno dare una mano importante. Niente da fare, invece, per Juan Cuadrado, i cui tempi di recupero saranno più lunghi.