Tavecchio: “Calciopoli? Chiudiamola in maniera bonaria”, Agnelli replica

Calciopoli - Tavecchio

Carlo Tavecchio, presidente della Figc, è stato oggi di fianco al CT Antonio Conte nella conferenza stampa di presentazione della prossima amichevole della nazionale italiana contro l’Inghilterra. Il match si disputerà il prossimo 31 marzo allo Juventus Stadium di Torino, dopo una lunga diatriba tra società bianconera e federcalcio, per via di ricorsi da parte della Juve in merito ai fatti di Calciopoli. Nei giorni scorsi, il presidente Agnelli ha ribadito di voler andare fino in fondo con la richiesta di risarcimento danni da 443 milioni di euro.\r\n\r\nTavecchio, dal canto proprio, ha ribadito più volte che il conteggio degli scudetti effettuato dalla Vecchia Signora non corrisponde alla realtà. Oggi, il numero uno della Figc ha ammesso di aver incontrato Andrea Agnelli di recente e spera che la questione dei risarcimenti si risolva in maniera bonaria:\r\n

Non c’è mai stato nulla di congelato, con il presidente Agnelli ci siamo incontrati in diverse occasioni. Il problema fondamentale è che la Federazione ha in atto una situazione particolare per quanto riguarda quell’esposto-denuncia che vorremmo chiudere in maniera bonaria. Noi abbiamo interesse – aggiunge Tavecchio – ad avere questa grande società, questa grande squadra senza nessun problema federale.

\r\nDal canto proprio, Andrea Agnelli ha oggi replicato parlando del ritorno di Antonio Conte allo Juventus Stadium e confermando che i rapporti tra i campioni d’Italia e la Figc siano buoni:\r\n

Sono sicuro che anche i tifosi rivedranno Conte con piacere. L’auspicio – prosegue il presidente della Juventus – è che possa tornare allo Stadium per molti anni, ma sempre con la Nazionale, e non da avversario. Tra la Juve e la Federcalcio c’è un dialogo costante e continuo, con il dg Michele Uva e con il presidente Carlo Tavecchio ci siamo visti tante volte: quindi non esiste nessun rapporto da scongelare. La Lega come la Premier League è un sogno? I sogni ogni tanto diventano realtà.

\r\nQuanto alla stagione bianconera, Agnelli fa il punto alla vigilia di un impegno molto gravoso con il borussia Dortmund in Champions League mercoledì prossimo:\r\n

Chi indossa questa maglia sa di dover puntare sempre a vincere. Ci attende uno snodo decisivo per la nostra stagione? Un’annata non si valuta da una sola partita, ma dall’essere ancora competitivi su tutti i fronti in primavera, e noi lo siamo. Stupito? No, questa Juve non mi stupisce – conclude – , lo sarei se non si comportasse in questo modo.