È sempre calciomercato: gli obiettivi bianconeri di gennaio

obiettivi calciomercato juventus gennaio

Si preannuncia incredibilmente attiva la campagna acquisti di gennaio 2020 della Juventus. Se Paratici e Nedved nelle ultime stagioni avevano abituato l’ambiente bianconero a sessioni invernali con pochi aggiustamenti e un occhio rivolto ai campionati successivi, quest’anno sembra cambiata l’impostazione: sarà caccia a big e a giovani emergenti fin dai primi giorni di apertura delle trattative. Proviamo a capire chi potrebbe arrivare.

Come in ogni finestra di mercato dal 2017 a questa parte c’è ancora Paul Pogba al centro delle attenzioni della Vecchia Signora. La vera novità, però, è che il centrocampista francese potrebbe tornare a Torino già a gennaio 2020. Secondo le ultime indiscrezioni, il Real Madrid, squadra arrivata a un passo dall’affare quest’estate, si sarebbe tirato indietro con Florentino Perez deciso a non investire ulteriormente in inverno. Una decisione che apre un canale privilegiato tra il Manchester United e i bianconeri, pronti a mettere sul piatto Rugani, Mandzukic ed Emre Can, tutti calciatori già seguiti con interesse dai Red Devils e finiti ai margini del progetto Sarri.

Caldissimo anche il fronte Madrid – Torino. L’Atletico di Simeone, in evidente difficoltà offensiva in questo avvio di stagione, sarebbe pronto a fare all-in per portare Paulo Dybala in biancorosso già a gennaio. Fin qui Joao Felix e Diego Costa hanno deluso in Liga e i Colchoneros avrebbero individuato proprio nella Joya l’uomo giusto per la svolta. Non sarà facile, però, convincere Sarri. Dopo un inizio pieno di dubbi, il fantasista argentino si sta rivelando fondamentale negli schemi del tecnico ex Chelsea, sia dall’inizio che come “spacca-partite” e la sua partenza non sembra più così scontata. Per convincere Paratici serviranno moltissimi milioni.

Milioni che potrebbero essere investiti subito per Isco, da sempre pallino bianconero e profilo ideale per il passaggio definitivo dal 4-3-3 al 4-3-1-2. Il trequartista ex Malaga sta giocando pochissimo in questa Liga e non è mai sceso in campo in Champions. Facile pensare che voglia cambiare aria già a gennaio, anche per non perdere le chance di convocazione in vista di Euro 2020. Molto dipende dallo stesso Real Madrid: se dovesse riuscire ad arrivare a Eriksen del Tottenham potrebbe lasciar partire il nazionale spagnolo senza rimpianti.

Si lavora quindi a rinforzare una squadra che già oggi è tra le favorite per la vittoria del nono scudetto consecutivo, ma soprattutto per porre le basi per il futuro prossimo. Due i nomi già finiti sul taccuino di Paratici. Il primo è quello di Mikel Oyarzabal, stella classe ’97 della Real Sociedad. Mancino raffinatissimo, l’attaccante iberico è una delle rivelazioni di questo inizio di campionato spagnolo e con i suoi 4 gol e 3 assist in dieci partite ha trascinato la squadra basca al quarto posto in campionato, a soli tre punti dal Barcellona capolista.

E su di lui ci sono già le big del calcio europeo: gli stessi blaugrana e l’Atletico avrebbero già fatto più di un sondaggio, così come il Manchester City di Guardiola, sempre attento alle novità provenienti dal suo Paese. Per portarlo via alla Real Sociedad servono almeno 60 milioni. Ma la Juve è tra le pretendenti.

Il secondo investimento di prospettiva, questa volta a parametro zero, potrebbe essere quello per Nathan Ferguson, terzino sinistro inglese classe 2000 in scadenza di contratto con il West Bromwich Albion. Fin qui Ferguson è stato uno dei migliori della seconda serie inglese e si sta rivelando ingranaggio fondamentale della squadra di Slaven Bilic, prima in Championship. In undici presenze ha messo a segno un gol e regalato un assist ai compagni. A convincere gli osservatori bianconeri la grande duttilità del ragazzo, a suo agio sia in fase difensiva che in fase di spinta, bravo nel dribbling e dotato di un ottimo fisico. Il profilo ideale per crescere in tutta calma alle spalle del titolare Alex Sandro e per comporre, insieme a De Ligt e Demiral, la difesa bianconera del futuro. Per portarlo a Torino, però, va battuta la concorrenza del solito Atletico Madrid e dell’Olympique Marsiglia.