Calciopoli & Co

Scudetto di cartone: spuntano di nuovo i tre saggi

Scritto da Redazione JM

Sarà questa la setti­mana di Stefano Palazzi? Il procuratore federale è atte­sissimo al punto di svolta delle vicende scottanti di questa estate, ma sin qui ha sempre mostrato di avere una doppia velocità: celere con aluni casi, molto lento con altri. Sono ormai sette giorni e più che i suoi uomini compulsano le carte di Cremona e pare sia giunto il tem­po delle convocazioni per i protagonisti tirati in ballo: tesserati e non tesserati, Erodiani aveva dato allo 007 federale, Panfilo Alber­tini, la sua disponibilità a chiarire il tutto anche se è ormai solo un ex portiere della Di Matteo calcio a 5. Molti dei protagonisti tra gli indagati sono ormai convo­cabili anche in Figc, la di­sponibilità dei pm si è rivol­ta anche all’ipotesi di auto­rizzare interrogatori della giustizia sportiva anche ai domiciliari disposti.\r\nMa attenzio­ne, il presidente federale non fa altro che ripetere che Palazzi fornirà nei tempi previsti – ovvero entro 10 giorni – la relazione sull’in­dagine condotta da dicem­bre a maggio sullo scudetto del 2006 assegnato all’Inter, che parlava al telefono coi designatori (con Moratti e Facchetti) e agli arbitri in attività (l’ex presidente). La questione del giorno è però un’altra: nel 2006 a decidere sull’as­segnazione fu il commissa­rio straordinario Guido Ros­si, accorpava in sé i poteri e le prerogative del consiglio federale e dello stesso presi­dente federale. Il fatto è che da sempre – almeno dall’au­tunno – il presidente Abete s’è convinto del fatto che ­analogamente a quanto fat­to per la vicenda delle radia­zioni e altri snodi essenziali – si possa/debba chiedere un parere in giro, prima di sot­toporre la decisione che ur­terebbe non poco Moratti e l’Inter. L’idea po­trebbe essere da veri nostal­gici: affidarsi, analogamen­te a quanto fece nel 2006 Rossi con la trimurti Coccia-Aigner-Pardolesi (oggi quest’ultimo è tra i giudici supremi dell Alta Corte Coni) consegnare la relazione di Palazzi, con tan­to di questioni relative alle prescrizioni fatte raggiunge­re ai fatti in oggetto, ma an­che sull’eventuale impre­scrivibilità dei presupposti morali addotti nel 2006 a so­stegno dello scudetto interi­sta, presupposti irrimedia­bilmente messi in discussio­ne dalla valanga di telefona­te emerse da aprile 2010. Insomma un parere terzo (au­spicabilmente) prima di en­trare nell’agone tutto politi­co del consiglio federale.\r\n\r\nCredits: Tuttosport

8 Commenti

  • Il prossimo scudo vinto significa la terza stella e nessuno può portarcela via, l’ha detto anche Pirlo appena arrivato, quindi, cari interisti mettetevi l’anima in pace.

  • I tre saggi saranno Qui,Quo e Qua,e restituiranno all’inter un altro scudetto per l’ansia che gli abbiamo fatto venire

  • Ragazzi non mi aspetto nulla di buono visto che ai vertici del calcio c’è la stessa cupola del 2006, non mi piace essere preso in giro, figuriamoci essere preso in giro PER TANTI ANNI, per me conta solo il campo, gli scudetti revocati sono solo giochi di potere, salterò come un matto quando la mia juve vincerà il prossimo campionato perchè sarà per me la terza stella!

  • parità di trattamento. l’inter verrà trattata come il Milan, non come la Juve. verrà penalizzata di 8 punti, ovvero arriverà terza davanti all’udinese, non dovrà fare neanche i preliminari di CL.\r\ne giustizia, secondo loro, sarà fatta.

  • Quello scudetto e’ nostro ,e nessuno ce lo portera’ via!!! Eravavo troppo forti, troppo superiori, troppo belli .Le altre squadre erano troppo scarse, troppo inferiori, troppo brutte.I tre saggi anche nel 2006 non erano d’accordo nel togliere lo scudetto alla juve,fu l’ulta’ interista G. Rossi a decidere.Credo che anche stavolta (nonostante tutto quello che e’ venuto fuori nel processo di Napoli) lo scudetto di cartone, dato ai ladri intertristi ,rimarra’ al petroliere inquinatore della nostra AMATA SARDEGNA. “ABBASSO LA MAFIA “

  • Ma ste cose solo da noi. Mi pare di vedere il pulmino della FIGC andare a pescare, di notte, sti tre eremiti incappucciati che di lavoro “prendono decisioni su magagne legate alla juve”.\r\nE poi svaniscono nel nulla, non tra fumo di zolfo, ma tra vapori di petrolio.

Commenta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi