Interviste

Scritte contro Scirea a Firenze, la moglie: “Tristezza” – Allegri: “Da arresto”

scirea heysel allegri mariella

Non si placa l’eco per le schifose scritte apparse al Franchi prima di Fiorentina-Juventus: le parole di Massimiliano Allegri e Mariella Scirea

All’indomani di Fiorentina-Juventus non si placa ancora l’eco per le vergognose scritte apparse al Franchi contro Gaetano Scirea e i 39 morti della tragedia dell’Heysel. Il tecnico Massimiliano Allegri ha condannato il gesto al termine della partita davanti alle telecamere delle TV: “Chi le ha fatte sarebbe quasi da arrestare. Ci vuole educazione”. Sono insulti che fanno molto male, soprattutto perché Riccardo Scirea, figlio del mitico Gai, era assieme alla squadra poiché fa parte dello staff di Allegri. Desolata la mamma di Riccardo e moglie di Gateano, Mariella: “Mio figlio Riccardo dice di lasciare perdere – le parole della donna – , perché quelle scritte indecenti e vergognose sono frutto di pochi cretini. Ma questo è troppo, anche perché non è la prima volta. E sono stanca, provo tristezza e dolore. È stato come un fulmine a ciel sereno, perché avevamo lavorato proprio perché fosse una serata per ricordare due difensori, due campioni, due uomini morti così giovani”.

Spesso vengono evidenziati comportamenti poco sportivi da parte dei tifosi della Juventus, ma a quanto pare la mamma degli imbecilli, come direbbe Bonucci, è sempre incinta ovunque si vada. “Per questo sono rimasta così colpita – aggiunge Mariella Scirea – . Nessuno merita quelle scritte, ma ancora meno mio marito per quello che ha dato al calcio italiano. Mi sento indifesa, come se non si potesse far nulla di fronte a questa desolazione: mi rendo conto che viviamo in un mondo strano senza più rispetto nemmeno per i morti. Non provo nemmeno rabbia. Solo tristezza”.

Durante la partita poi, nonostante i supporters della Juve intonassero cori in favore di Davide Astori, i fiorentini hanno inneggiato al tentato suicidio del dirigente bianconero Gianluca Pessotto. Non si vuole proprio cambiare.

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi