Sarri: “Gol presi? Ci mancano Chiellini, De Sciglio e un po’ di lavoro”

Il commento di Maurizio Sarri al termine di Brescia-Juventus

sarri intervista brescia-juventus 1-2

Maurizio Sarri ha visto passi in avanti dal punto di vista del gioco durante Brescia-Juventus. La difesa bianconera continua a ballare, ma alla distanza i campioni d’Italia hanno preso le redini della partita con personalità. «Impressioni? Buone, siamo migliorati dal punto di vista del palleggio controllando bene la partita. Dobbiamo perfezionare la fase difensiva – ammette Sarri ai microfoni di DAZN – , ma ho visto passi in avanti nelle occasioni create anche oltre che nel palleggio. Buona personalità, buon palleggio, quindi da migliorare la fase difensiva».

La sorpresa è stato il passaggio dal 4-3-3 al 4-3-1-2 con Ramsey a fare da trequartista alle spalle di Higuain e Dybala. «Bisogna essere pronti a tutte e due le soluzioni – continua Sarri – . In questo momento abbiamo problemi con gli esterni offensivi, e tanti centrocampisti offensivi, quindi ho sfruttato quello che abbiamo a disposizione. Dipende dai momenti della stagione, quindi bisogna preparare una squadra con queste due soluzioni. Con Ronaldo e Costa fuori eravamo pieni di centrocampisti e abbiamo deciso di cambiare per sfruttare tutte le soluzioni con il 4-3-1-2, che è un modulo che mi piace molto. Lo abbiamo fatto bene dal punto di vista del palleggio e un po’ meno dal punto di vista difensivo. Il trequartista? Dipende dal momento della stagione. Il giocatore che faceva la differenza era Douglas Costa, poi venendo a mancare lui abbiamo deciso di sfruttare i centrocampisti offensivi. Trequartisti? Abbiamo Ramsey, il più adatto in questo momento, lo può fare Rabiot, Dybala anche se mi piace di più in posizione più avanzata. Ha fatto una buona partita, in tutte e due le fasi. L’ho visto molto applicato, benissimo negli scambi in velocità con Ramsey. È uscito acciaccato, speriamo di recuperarlo per la prossima».

Sarri: “Ci mancano Chiellini e De Sciglio”

Ancora un gol preso in maniera abbastanza “leggera”: Sarri studierà nei prossimi giorni gli errori e proporrà ai suoi esercitazioni riparatrici. «Il gol preso? Lo voglio rivedere bene, mi sembra che abbiamo fatto una fase difensiva un po’ morbida – risponde sull’argomento il tecnico bianconero – . Questo modulo ti dà un’interpretazione difensiva non semplicissima. Abbiamo fuori Chiellini, De Sciglio, ci manca un po’ di lavoro… Vediamo di crescere».

Non ha ancora convinto de Ligt, parso troppo spesso impacciato in fase difensiva, ma ha sbagliato anche alcuni appoggi scolastici. «Sta crescendo, un attimino di pazienza. Viene da un calcio diverso – lo difende Sarri – , si trova proiettato in una realtà diversa. Ci va solo un po’ di tempo. Koulibaly è un fenomeno, ma anche lui nei primi mesi ha fatto fatica. È un giocatore carismatico, trascinante come Chiellini. Abbiamo fuori De Sciglio, stasera anche Danilo. Penso che in alcuni momenti siamo vulnerabili come squadra».

L’infortunio di Danilo e l’ingresso di Cuadrado

Peccato per l’infortunio muscolare di Danilo, che va a rendere ancora più deficitaria la questione terzini: «Problema muscolare per Danilo? Penso di sì, dobbiamo vedere l’entità. Cuadrado? Appena abbiamo preso gol, lo stavo pensando in proiezione secondo tempo. Il ragazzo dopo aver fatto un paio di partite di altissimo livello in fase offensiva, l’ha fatta stasera anche in zona difensiva. È in salute», conclude il tecnico della Juventus.