Rabiot: “Juve, mi piace attaccare e difendere”

rabiot juventus tv

Adrien Rabiot ha rilasciato la sua prima intervista a Juventus TV. Il nuovo acquisto dei campioni d’Italia è al lavoro sin dal primo giorno agli ordini di Maurizio Sarri e nonostante gli allenamenti intensi, sorride di soddisfazione per essere approdato in uno dei più grandi club al mondo. “Sono contentissimo di essere qui – ammette l’ex PSG – . La Juve è un grande club, con grande prestigio e storia. Uno dei motivi che mi ha spinto a venire alla Juve è stato quello di migliorarmi e portare la mia carriera ad un livello superiore. Questo è il posto migliore in cui farlo. Giocare insieme ad eccellenti giocatori sarà speciale per il mio sviluppo e per continuare ad imparare”.

Decisivo per la sua scelta della Juventus il rapporto con Gianluigi Buffon, estremo difensore con cui Rabiot ha vissuto assieme la passata stagione a Parigi. “Ho parlato con un sacco di persone, incluso Gigi Buffon come ho detto, che conosce bene il club e con cui ho parlato della vita qui. È molto importante chiedere aiuto e consiglio per fare la giusta scelta di carriera. I complimenti di Gigi? È bello ricevere complimenti del genere, ho mandato un messaggio a Gigi per ringraziarlo. Lui mi ha risposto che è stato facile dirlo, perché è la verità”.

Prelevato a parametro zero dopo la conclusione del suo contratto con il Paris Saint Germain, Rabiot spiega così le sue caratteristiche: “Sono mancino. Sono un giocatore a cui piace fare un po’ di tutto, ma se dovessi descrivere me stesso – continua – direi che sono un giocatore offensivo, a cui piace attaccare ma anche difendere. Come si dice oggi, un giocatore box-to-box”.

Rabiot: “Allianz Stadium, sarò emozionato”

Ora non resta che mettersi in mostra con la nuova casacca, che anche grazie a Cristiano Ronaldo è tornata ad essere una delle più indossate in ogni angolo del mondo. “La maglia bianconera rappresenta tanto per molte persone. La Juve ha tanti tifosi in giro per il mondo – prosegue Rabiot – , questo perché è una società prestigiosa”. Insomma, conto alla rovescia per l’esordio all’Allianz Stadium di Torino: “Immagino la mia emozione, una grande atmosfera. Una vittoria e perché no, un assist o un gol? Non vedo l’ora di iniziare a giocare e di conoscervi. Spero – conclude – che insieme ci divertiremo. Grazie a tutti”.