Professoressa tifosa del Napoli offende le vittime dell’Heysel

Sta facendo molto discutere un post di una professoressa e giornalista tifosa del Napoli contro la Juventus e i morti dell’Heysel. In seguito alla decisione del Questore di Torino di chiudere il settore ospiti in occasione della prossima sfida contro la Juventus (ricordiamo che i tifosi della Juventus non possono andare al San Paolo di Napoli da diversi anni), la signora ha pubblicato il seguente testo:\r\n\r\n“Non vogliono farci andare allo Juventus Stadium perché si cacano sotto. E fanno bene, perché se ci girano le palle qua succede la seconda edizione dell’Heysel (per la cronaca io di quella gente non ho pena perché penso che se la siano andata a cercare).”\r\n\r\nParole durissime che fanno particolarmente specie poiché pubblicate da una professoressa che dovrà formare le nuove generazioni, oltre che da una giornalista. Raggiunta dalla trasmissione ‘La Zanzara’, di Radio 24 Il Sole 24 ore, ai conduttori Cruciani e Parenzo ha dichiarato (qui l’audio): “L’ho scritto e basta, ma adesso è cancellato”. “Lei ha evocato l’Heysel, ma lei fa la professoressa, la giornalista…”, le ha fatto notare Cruciani. Questa la risposta: “Le pare normale quello che scrivono sul Vesuvio tutti i giorni?”.\r\n\r\n“Penso che i tifosi della juventus siano andati a cercarsela la tragedia dell’Heysel”, ha aggiunto rispondendo invece su Facebook. A quanto pare, però, non è la prima volta che la signora si rende protagonista di uscite forti su Facebook, come dimostrano alcuni post su una pagina antijuventina:\r\n\r\nprofessoressa Napoli\r\n\r\nFoto: schermate tratte da Facebook