Plusvalenze: solo multa per la Juventus? Il precedente con lo stesso pm

I casi di Milan e Inter diversi da quello del Chievo, inoltre il pm è lo stesso che ha indagato la Triade

plusvalenze multa juventus

Come si concluderà il caso plusvalenze per la Juventus? Conclusioni ad oggi non se ne possono trarre, non avendo tutti gli elementi a disposizione. Al momento, però, tutti gli indizi fin qui venuti fuori somigliano molto ai casi di Inter e Milan, che nel 2008 se la cavarono con una multa da 90mila euro per aver reso più sostenibili i bilanci. Diverso il caso del Chievo, che tramite le plusvalenze riuscì ad iscriversi al campionato e per giunta muovendo calciatori che non hanno mai giocato o comunque giocato poco. Inoltre, c’è un’intercettazione che rappresenta per quel caso la pistola fumante.

Plusvalenze: il precedente con lo stesso pm

Insomma, al momento il caco bianconero è più simile a quello delle milanesi per la giustizia sportiva. Inoltre, è curioso notare che ad indagare sulla Juventus ci sia tra i pm torinesi anche Marco Gianoglio. È lo stesso pubblico ministero che mosse accuse identiche alla Triade per i bilanci del club bianconero tra gli anni 2001-2006 (nel mirino i trasferimenti di Mutu e Zidane su tutti). Il processo di primo grado si concluse nel 2009 con l’assoluzione piena di Moggi, Giraudo e Bettega.

Indagare sulla Juventus dà visibilità

La Procura di Torino allora fece ricorso ma ha perso anche in secondo grado e la vicenda è giunta a definitiva conclusione nel 2018 con tanto denaro pubblico impiegato per un processo che non ha portato a nulla, se non a creare un clima di astio nei confronti della società Juventus. Ora la nuova indagine, che si muove a partire dal 2019, poco dopo la sconfitta definitiva rimediata dai pm nella precedente. Evidentemente, ha ragione l’ex magistrato Palamara quando dice che indagare sulla Juve attira riflettori.