Pirlo esonerato dalla Juventus e Tudor traghettatore? Ormai è troppo tardi

La Stampa paventa un cambio di panchina alla Juve, ma dopodomani si gioca e la Champions è quasi impossibile

pirlo esonerato juventus tudor

La Juventus, secondo il quotidiano La Stampa, sta valutando l’esonero immediato di Andrea Pirlo. Una decisione che arriverebbe inevitabilmente in queste ore, visto che mercoledì sera si gioca al Mapei Stadium col Sassuolo. Al suo posto, stando alle indiscrezioni del quotidiano torinese, Igor Tudor farebbe da traghettatore fino a fine stagione. Una soluzione che difficilmente sarà praticata, per una serie di motivi. In primis, per tradizione la Juventus tende a non esonerare gli allenatori, men che meno a tre giornate dalla fine.

Pirlo via dalla Juventus solo a fine stagione

Poi c’è da tenere conto il fatto che ormai per la Champions League servirebbe un miracolo e non basterebbe nemmeno vincerle tutte. Se quelle davanti non si suicideranno, Atalanta, Milan e Napoli sono tutte e tre in vantaggio con gli scontri diretti. Insomma, ormai l’Europa League è un’eventualità molto concreta e di certo non si potranno fare miracoli in pochi giorni. Infine c’è la questione affettiva che lega Andrea Pirlo al presidente Andrea Agnelli e agli altri dirigenti. Metterlo alla porta prima della fine della stagione, è ancora più complicato.

Tante incognite per il futuro

Che poi il destino del “maestro” sia segnato, è fin troppo evidente. Al termine del campionato saluterà e chi sarà chiamato al suo posto troverà le macerie. Una squadra senza Champions League, senza gioco e che ha perso anche quel Dna Juve che era sinonimo di solidità. Impossibile trattenere Cristiano Ronaldo e qualche altro campione in Europa League, così come bisognerà rivedere anche il mercato, poiché trattative in fase avanzata dovranno essere ridiscusse. Calciatori già precettati, pensavano di venire a Torino e giocarsi la “coppa dalle grandi orecchie”. Così si fa dura su tanti fronti, soprattutto finanziario visto che il bilancio viaggia verso 200 milioni di rosso e gli sponsor potrebbero presentare il conto senza Champions e senza CR7.