Paratici vola a Londra: domani alcuni incontri di mercato, i nomi

Il CFO della Juventus nella capitale inglese per provare a chiudere qualche trattativa

paratici londra mercato juve

Fabio Paratici, CFO della Juventus, domani sarà a Londra per una serie di incontri di mercato. Il tempo stringe e il club bianconero vuole cercare di completare la rosa a disposizione di Andrea Pirlo il più presto possibile. In agenda c’è innanzitutto un incontro con Ryan Friedkin, figlio di Dan, nuovo presidente della Roma, che vedrà Paratici assieme all’ad Guido Fienga. Sono tanti i nomi che finiranno sul piatto, secondo il quotidiano La Stampa, a partire da Nicolò Zaniolo, fantasista che però il club giallorosso vuole rendere simbolo del nuovo corso. La Juve ci proverà, ma le possibilità di riuscita sono prossime allo zero, altrimenti la nuova proprietà giallorossa si presenterebbe molto male alla piazza.

Incontro Juve-Roma a Londra: i nomi caldi

Ci sono più possibilità, invece, per Edin Dzeko, 34enne centravanti bosniaco che ha un contratto con la Roma da 8 milioni netti a stagione fino al giugno del 2022. La Juventus riflette proprio per il rapporto età/prezzo dell’attaccante che in 5 stagioni nella capitale ha messo a segno 106 reti. I giallorossi offrono ai bianconeri Alessandro Florenzi, 29enne esterno destro di ritorno dal Valencia, mentre in cambio gradirebbero Federico Bernardeschi. Si può ragionare anche su De Sciglio, Perin e Romero, anche se gli ultimi due sembrano più vicini all’Atalanta.

Con Higuain che non vuole mollare l’ultimo anno di contratto, è complicata la scalata della Juve verso un attaccante. Paratici ha un accordo di massima con Arkadiusz Milik, che aspetterà fino ai primi di settembre, poi potrebbe finire proprio alla Roma. La missione londin ese del CFO bianconero servirà anche per incontrare l’Arsenal, che sembra volersi disfare di Alexandre Lacazette, 29enne centravanti francese che la Vecchia Signora ha seguito a lungo anche ai tempi del Lione. Di tempo ce n’è poco, di soldi anche e gli acquisti dipenderanno inevitabilmente dalle cessioni che la Juve riuscirà a fare nei prossimi giorni.