Panchina Juventus: sprint su Allegri, che non vuole aspettare il Real

Le utime indiscrezioni sul futuro della panchina Juve: Allegri torna in pole

panchina juventus allegri

Sono ore caldissime per il futuro della panchina della Juventus e pare che proprio tra ieri sera e stamane si sia mosso qualcosa di importante sul versante Massimiliano Allegri. Il tecnico toscano è stato avvistato qualche giorno fa a colazione con Federico Cherubini, braccio destro di Fabio Paratici, e Fabio Grosso. La foto scattata in un noto bar di Torino ha fatto partire una ridda di voci, anche se poi dalla Spagna sono giunte voci di un imminente accordo con il Real Madrid. Cosa è cambiato però in queste ultime ore?

Panchina Juventus: Allegri non vuole aspettare il Real

Ebbene, sembra che Florentino Perez abbia chiesto ad Allegri di attendere la fine della Liga e il colloquio che il club madridista avrà con Zinedine Zidane da lì a pochi giorni. A quel punto il tecnico livornese ha cambiato atteggiamento, perché il rischio è quello di rimanere con un pugno di mosche in una sessione di mercato in cui è molto ricercato. A questo punto, insomma, è una corsa a due tra Juventus e Napoli: sì perché oltre al triennale offerto dalla Juventus (si parla di 6,5 milioni di euro l’anno), Allegri avrebbe anche un’offerta di Aurelio De Laurentiis.

E’ corsa Juve-Napoli per il tecnico livornese

Come riporta il giornalista Franco Leonetti, nelle ultime ore ci sarebbero stati nuovi contatti tra la dirigenza bianconera e il mister del ciclo vincente di 5 anni. Un’accelerata bella e buona che sa tanto di ultimatum: caro mister, se non vuoi aspettare il Real con il rischio di dover accettare una soluzione di ripiego, noi siamo pronti a firmare. Ovviamente, senza nulla togliere al club partenopeo (fonti vicine al club campano danno a noi di Jmania l’allenatore livornese più vicino a loro), la Juve rappresenterebbe una soluzione anche più consona ad Allegri, che conosce bene l’ambiente e soprattutto rientrerebbe con i crismi del vincitore. Mi avete mandato via convinti che bastava cambiare allenatore per fare meglio, invece…