Juvemania

Organizziamoci: noi al fianco di Moggi

Scritto da Redazione JM

Con la decisione di radiare Moggi e Giraudo, Organizziamoci prende atto che:\r\n\r\nLa FIGC, rappresentata dal “fantoccio” dei poteri che dal 2006 controllano il calcio italiano, precipitato da Berlino a Johannesburg, ha perso una buona occasione per tentare di andare oltre farsopoli. Anche perchè il Presidente Federale cui era affidato il compito di decidere sulle radiazioni di Moggi e compagnia è riuscito, con una serie di artifizi giuridici, a scaricare l’incombenza sullo stesso Procuratore Federale che cinque anni fa formulò le accuse: Palazzi, appunto, che mai avrebbe ammesso di essersi sbagliato.\r\n\r\nLo stesso Palazzi che in passato ha “salvato” dirigenti condannati dalla giustizia ordinaria per aver contraffatto documenti, al fine di aggirare le norme sportive. Lo stesso Palazzi che non ha richiesto di processare la società colpevole di reati come pedinamenti e intercettazioni abusive, facendo cadere il tutto nell’oblio della prescrizione. Lo stesso Palazzi che di concerto con i vertici federali ha evitato di radiare un presidente sorpreso in flagranza di reato con una valigetta piena di soldi. Lo stesso Palazzi che però, nell’occasione delle radiazioni, è stato inflessibile, ignorando le evidenze di un processo ordinario che ha completamente stravolto i presupposti su cui era basata farsopoli.\r\n\r\nLe istituzioni del calcio hanno quindi mandato un segnale preciso. Per loro, “calciopoli” si è chiusa inequivocabilmente nel 2006 e a niente servono nuovi processi. La loro convinzione non sarà scalfita da nessun fatto nuovo, per quanto clamoroso. E per rafforzare questo principio, i giudici della Commissione disciplinare hanno addirittura rincarato la dose aggiungendo nelle motivazioni, alle farneticazioni di Palazzi, concetti come “allarme sociale”o “comportamenti altamente inquinanti”.\r\n\r\nAlla luce di quanto avvenuto per le radiazioni, pare oggi scontato anche l’esito sull’esposto presentato dalla Juve da oltre un anno. Con gaudio dei media che dopo un lungo silenzio hanno ripreso fiato.  Perché a decidere, sarà sempre lo stesso Palazzi: anche in questo caso, infatti, Abete si è “pilatescamente” tirato fuori.\r\n\r\nPossiamo quindi affermare che la FIGC ha un presidente che non decide, ma è abilissimo a demandare ad altri scelte che richiedono un minimo di attributi.\r\n\r\nMA NOI DI ORGANIZZIAMOCI NON CI STIAMO E RISPONDIAMO:\r\n\r\nanche per noi tutto è fermo al 2006. Esattamente al 14 di maggio, quando la Juventus ha conquistato sul campo il suo VENTINOVESIMO scudetto. Tutto quanto è avvenuto dopo, non lo riconosciamo. Perché i risultati degli ultimi anni sono falsi e frutto di una mistificazione organizzata tavolino. Chiunque abbia beneficiato di questa situazione è solo oggetto del nostro disprezzo e mai sarà accettato come avversario.\r\n\r\nNoi saremo al fianco del nostro Direttore e della Juve, indipendentemente da quello che deciderà la società. Accompagneremo Moggi con la nostra azione in tutte le sedi, a partire da quella dell’appello sulla radiazione. Se sarà necessario, promuoveremo iniziative anche forti come pubbliche manifestazioni o boicottaggi di massa in grado di provocare, quelli si, “allarme sociale”.\r\n\r\nLa revoca dello scudetto di cartone non c’interessa, perché noi rivogliamo nella nostra bacheca e nelle nostre casse quanto ci è stato tolto con un’ignobile azione, tesa a colpire solo ed esclusivamente la Juve.\r\n\r\nOggi più di ieri siamo determinati a perseguire l’obiettivo con la nostra azione, che ha anche l’obiettivo di cacciare personaggi come Palazzi e Abete, responsabili del fallimento del calcio italiano in ambito nazionale e internazionale.\r\n\r\nSe qualcuno, media compresi, pensa di zittirci con il messaggio delle radiazioni, sappia che ha ottenuto l’effetto opposto. Perché ha rigirato il coltello in una ferita mai rimarginata.\r\n\r\nNoi non siamo indignati né sorpresi per quanto capitato, ma semplicemente disgustati perché la farsa continua.\r\n\r\nI personaggi che decidono sono sempre gli stessi. E, conseguentemente, le loro scelte fanno diventare la nostra battaglia per la riconquista della dignità, ancora più aspra.\r\n\r\nNoi non molliamo!

20 Commenti

  • andrea coso,qui di grottesco ci sei solo tu.Rassegnatevi,non c’è proprio nulla che possiate fare per ostacolarci.Noi sempre vicini al direttore.Luciano Moggi UNO DI NOI!

  • Faccio un esempio: sul blog dell’Uccellino c’è un certo Mike Prise che ha tradotto in modo pregevole la scheda tecnica su Conte in inglese. Certo una cosa è farla per una pagina, un’altra farla per un dossier come minimo di 40-50 pagine. Per non parlare della possibilità di inserire i sottotitoli in lingua straniera in alcuni dei video più esemplificativi delle dichiarazioni in aula di Auricchio, Nucini (e delle intercettazioni di Facchetti, si potrebbe creare un canale su youtube a tema). O si trova qualche anima buona di tifoso bilingue oppure bisognerebbe pagare un traduttore…\r\nIo non avrei difficoltà a tradurre i dialoghi delle intercettazioni in olandese visto che lo parlo ma piuttosto che avventurarmi nella traduzioni di testi strettamente tecnici con disquisizioni su ricusazione, celle agganciate, etc preferirei affidarmi in quel caso ad un professionista bilingue.\r\nQuesto per quanto riguarda la lingua. Poi bisogna contattare più giornalisti possibile delle testate estere, bussando e ribussando ad ogni diniego….\r\nE’ necessario che la gente venga informata sul fatto che lo scandalo di Calciopoli è più scandalo di quello che si pensa. Serve che il giornalista dell’Equipe (per dirne uno) venga incuriosito a tal punto che invece di chiamare il solito collega alla Gazzetta dello Sport per conferma, provi ad approfondire per conto proprio.\r\nIniziamo a ragionarci su…

  • presente per il direttore e per la TRIADE faccio questo e altro\r\n\r\n\r\nMA IL PRESIDENTE DEVE ESSERE A.Agnelli con i pieni poteri\r\n\r\n\r\nvia la famiglia Elkann

  • @Dimas \nConcordo in tutto e per tutto. Abbiamo le basi e lpersone giuste in grado di farlo. Spero che Alessandro Magno o Numero7 colgano al volo l’idea e la facciano passare agli altri redattori. SIII PUOOOOÒ FAREEEEEE!!

  • Va bene gli appelli alla coesione ma in fin dei conti, boicottaggi e pubbliche manifestazioni sono concetti vuoti, che non avranno un seguito. Come la favola dei 14 milioni di tifosi che non riescono a radunare che poche decine di puri e duri e Napoli alle udienze del processo di Calciopoli…Io la Gazzetta la non la compro e Sky nemmeno. Quanti fanno così? Sinceramente? Siamo i più numerosi ma siamo incolori, ghettizzati nei nostri splendidi blog ma apatici e timorosi quando si tratta di fare un salto di qualità nella protesta. Io credo che una cosa da fare per rompere questa situazione nella quale siamo prigionieri del giornalismo tradizionale, che applica le sue categorie di giustizialismo e servilismo anche al calcio, sia byepassare il circolo vizioso dei media nazionali. Sarebbe necessario mio parere sollevare il caso sui media all’estero i quali per l’80% si basano sui resoconti degli omologhi italiani, appiattendosi in una visione di Calciopoli falsa ed incompleta. Quanti in Inghilterra sanno che Moggi non conosceva in anticipo i guardalinee o che non avesse chiuso Paparesta negli spogliatoi? Quanti in Germania hanno cristallizato l’opinione degli italiani bugiardi che trafficano dietro le quinte dello sport mentre vi è stato, se possibile, uno scandalo ancora più grande? Servirebbe preparare dei dossier completi e tradurli in modo corretto in francese, inglese, spagnolo…Servirebbe inviare questi dossier più e più volte a tutti i media internazionali, prendendo contatto con i migliori giornalisti sportivi internazionali affinchè si interessino del caso e decidano di avviare un’inchiesta che buchi la verità che finora ci hanno propinato. Servirebbe che almeno uno o due grandi giornali all’estero facesse propria battaglia, scavasse nel marcio italico nel quale siamo sprofondati nel 2006. Io lancio questa idea, sperando di trovare energie in tutti compagni che siano d’accordo nello sbloccare in modo diverso questo meccanismo infernale al quale siamo condannati.

  • è tutto inutile!! Il Direttore è stato fatto fuori, e non rientrerà, non rientrerà mai più, è FINITA!!! p.s ovviamente quel che rimane della “juve” non mi interessa, anzi gli auguro il peggio..VERGOGNA!!!!

  • la lettura di questo grotteco appello conferma che l’esistenza di tifosi di moggi non è riconducibile solo ad un fatto di sottocultura.\r\nandrea barra caracciolo

  • Parole sante, noi staremo sempre al fianco del direttore. La Juventus non si tocca, è patrimonio dell’Italia e degli italiani, quei 14 milioni di tifosi che hanno gioito e goduto più di tutti.

  • ragazzi l’intento e’ proprio quello di organizzarsi non per niente abbiamo messo insieme diverse sigle e diversi siti. Adesso cercheremo di fare delle iniziative concordate. Io penso che alcune idee che avete esposto posson esser prese in seria conisderazione.\r\nIntanto vi invito a titolo personale a trovare suu facebook lA pagina della figc e pure quella della juventus (li trovate pure fra i miei amici” e a scrivere le vostre proteste in maniera decisa ma civile. Che sentano che siamo tanti. Poi vedremo di iniziare a boicottare seriamente e coordinatamente.

  • @Tredix: sai che colpo vedersi sparire di colpo tanti milioni? Magari farebbero loro causa alla FIGC.

  • @Sangue Bianconero: esatto, questa è la prima cosa da fare, ed è la cosa che secondo me produrrà più effetti. Sarebbe un vero terremoto commerciale per i giganti della (dis)informazione. Altro che manifestazioni..

  • La Juve deve richiedere l’articolo 39,cioè la revisione del processo sportivo.Abete e Palazzi,se hanno le palle (ho dei dubbi)debbono chiedere alla dottoressa Bocassini l’originale del doc 45.Poi possiamo anche aspettare un po di tempo,ma alla fine penso ,che all’innominabile ,la serie C2 non la toglierà nessuno.Il fuggi-fuggi iniziato dai P.M e da Auriccio,proseguito da alcuni personaggi dell’innominabile,fanno pensare che qualcuno ha iniziato a sentire puzza di fumo?Abete e Palazzi se non siete capaci e no avete la possibilita,di fare un vero processo allo sponsor del calcio italiano,togliete il disturbo,ci sara qualcun altro al vostro posto.On: fate questa benedetta commissione d’inchiesta su calciopoli,sara bene indagare sull’operato dei vari inquirenti sia penali che sportivi,ma il ministero dello sport,re4sta a guardare a questo scempio della legge sportiva?albertosanguebianconero.

  • Stabiliamo una data in cui far pervenire in massa disdette di abbonamenti a Sky e Mediaset allegando alla raccomandata di disdetta una lettera in cui si specifichi che NOI JUVENTINI siamo stanchi di subire ingiustizie e pertanto boicottiamo il calcio. Così anche i media saranno costretti a parlare dell’ingiustizia sportiva che abbiamo subito e subiamo ancora quotidianamente dal 2006, visto che fino ad ora sono stati sempre omertosi sulla verità per coprire i potenti. ANNIENTIAMOLI!!!!!!!!

  • Parole sante, ma comunque ancora parole. Si diano impulsi veri, si diano date precise nelle quali effettuare veramente manifestazioni e/o azioni di boicottaggio, a partire dagli abbonamenti televisivi. Si diano programmi completi!

  • finalmente un pò di pane!!! forza ragazzi ora basta con le parole!!! 5 anni possono bastare… altrove non avrebbero tenuto 5 giorni!!! Ora ci vuole la MARCIA contro questi delinquenti.. le loro facce ci hanno stufato, stanno preparando il solco per una imminente uscita politica… qualcuno premierà loro come è stato per il provolone Auricchio e il dfalso PM Narducci!!! Muoviamoci e non aspettiamo!! La rete è pronta, ora più che mai MARCIA!!! MARCIA!!!MARCIA!!!MARCIA!!!MARCIA!!!MARCIA!!!

Commenta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi