Calciopoli & Co Editoriali

Oliviero Beha: “Palazzi ci sta prendendo per i fondelli”

Scritto da Redazione JM

Tra ansie e angoscie, almeno una certezza: sul caso Calciopoli, così come sul caso Scommettopoli, ci stanno prendendo per i fondelli. Moggi, Giraudo, Mazzini radiati dalla Disciplinare dopo che la richiesta di radiazione era stata fatta nel luglio del 2006 ai tempi della giustizia sportiva “presto e bene”. Radiati il 15 giugno 2011: non bastano le date per capire? Tra un mese sarebbero scaduti i termini. Perché hanno aspettato tanto? Per gettare in pasto all’opinione pubblica una polpetta avvelenata che la distraesse da Scommettopoli? Per far vedere che alla fin fine il Procuratore Federale del calcio, l’accusa, il PM del pallone, Stefano Palazzi, comunque porta a casa  qualcosa? O altrimenti perché, dopo ben cinque anni? Trovate la risposta continuando a leggere…\r\n\r\nSi obietta: ma un colpevole è un colpevole. Rispondo: certamente. Ma il processo prima che a Moggi va fatto al potere calcistico, a come funziona la giustizia sportiva, a come vengono usate le sentenze, ai giochi di potere che ci sono dietro. La conferma ce l’avete da Scommettopoli, in cui lo stesso Palazzi svolge il medesimo ruolo: indaga e rinvia a giudizio,oggi come nel 2006. E sta venendo fuori che Palazzi in Federazione insabbia (cfr.lo scandalo di “Premiopoli” sul web, per facilitarvi la comprensione della faccenda, o i miei scritti sul Fatto, o l’Espresso in edicola) tutto quello che può insabbiare. Nel caso di Moggi, Giraudo e Mazzini, chi mi dice che Palazzi non sapesse già nel 2006 che nello scandalo erano coinvolte tante altre figure importanti del calcio, come è venuto fuori nel processo penale in corso a Napoli?\r\n\r\nPerché mi devo fidare di Palazzi dopo quello che è documentato su di lui? E da chi dipende Palazzi se non da Abete, presidente federale? E nel 2006 Abete non era il vice del presidente Carraro? E non ci sono intercettazioni su Carraro (poi ovviamente prosciolto con urgenza da quella stessa giustizia sportiva da lui superveduta) del tenore di quelle su Moggi e soci? Quindi l’obiezione fasulla e amplificata dai media collusi, “intanto giustizia su Moggi, liberiamoci di un colpevole”, si scontra con la logica e la natura di chi lo ha giudicato.\r\n\r\nI latini dicevano “summum ius, summa iniuria”, massimo diritto, massima offesa, o giù di lì. Per quello che avete letto finora, e senza tifo juventino pro o contro Moggi, è chiaro che qui di ius ce n’è pochissimo e invece c’è una gigantesca presa per il di dietro dell’opinione pubblica italiana. Mentre fioccano le notizie dalla Procura di Cremona, e Palazzi dovrebbe indagare su tutto ciò e cominciare gli interrogatori. Mi domando come, e con che faccia. In altri campi, questa mole di sospetti peserebbe come un macigno su chi amministra la giustizia assai più che su eventuali colpevoli scelti nel mazzo, a quel che si è visto e sentito nel Tribunale di Napoli, nel mazzo e con cura… Invece qui la stampa dimentica tutto ciò e archivia il caso con la “discarica Moggi”. Io me ne vergognerei…\r\n\r\nDi Oliviero Beha per ‘Il Fatto Quotidiano’

15 Commenti

  • Avete presente quei buttafuori (e non me ne voglia la categoria…) gonfi di rancore e violenza per non essere entrati in polizia?\r\nUguale uguale Travaglio. Lui voleva fare il PM e purtroppo si deve accontentare di fare il giornalista.

  • Dopo queste dichiarazioni così forti del “Cognome”, mi aspetto non meno che:\r\n\r\n1. Riassegnati i due (2) scudetti alla Juventus e 300 milioni di euro come risarcimento dalla FIGC.\r\n\r\n2. Inter mandato in Legapro con -25 punti di penalizzazione e il Bilan alla Serie B con Ciro Ferrara come allenatore.\r\n\r\n3. Moratti condannato a 30 anni di lavori forzati a Vinovo.(per esempio raccogliendo foglie)\r\n\r\n4. Galliani condannato a 20 anni come giardiniere alla Villa di Berlusconi (senza partecipare alle feste private).\r\n\r\n5. Collina condannato a 90 anni in cella sotto la pioggia artificiale, senza ombrello.\r\n\r\n6. Abete e Palazzi condannati a indagare per 50 anni sulle scommesse on line nell’ippica (senza interrogare i cavalli).\r\n\r\n7. Delaurentis radiato dal cinemapanettone.\r\n\r\n8. Zamparini condannato a vestire la maglia della juventus con il Nº29 visibile e frontale, tutte le domeniche mentre ci siano le telecamere.\r\n\r\n9. Nicchi e Morganti trasferiti in Lega Serie A TIM di Pallavolo.\r\n\r\n10. La Gazzetta diventa un’azienda di carta igenica profumata per i culi milanesi.\r\n\r\n11. La RAI perde la concessione per lo spettro radioelettrico in Italia e diventa la TV ufficiale dell mezzoriente, con tutti gli addetti ai lavori obbligati ad imparare l’arabo.\r\n\r\n12. Niente rigori paaaa riommma nelle prime due partite di campionato.

  • Ecco, Travaglio, l’esatto opposto di Bea…\nNeanche da considerarsi giornalista, piu’ in gossipparo della carta stampata…\nBuono per monologhi senza diritto di replica, che se avviene nel 90% dei casi gli fa fare figure ignobili…

  • Palazzi è un anti juventino,come i suoi colleghi Narducci.Beatrice,Capuano.Auricchio,sapete il tifo e tifo.si raccoglie da piccoli.Questi personaggi frustrati dalle vittorie SUL CAMPO DELLA JUVE,alla prima occasione e per fare contento un’eterno perdente,ma con i soldi,no hanno perso occasione,e sino lanciati addosso alla Juve e Moggi,con bugie ,fandonie,ipotesi campate in arie confermate dagli stessi giurati dell’accusa.Hanno fatto un pastrocchio,ora non sapendo più che pesci prendere,in vista di una figuraccia ,scappano.A proposito,al dott.Bea,chieda un pò al suo collega Travaglio,visto che scrivete nello giornale,cosa ne pensa delle notizie uscite dal 2006in poi?L’altra volta fu molto svelto a scrivere di farsopoli,adesso forse,gli si è incastrata la penna ? albertosanguebianconero

  • Signori e amici tifosi juventini, non facciamoci gabbare come sprovveduti. Bastano tre nomi per incominciare a tessere un discorso che percorra un filone logico. Abete, Palazzi(se potessi lo perseguiterei giuridicamente) e Guido Rossi. Secondo me fanno parte dell’unico progetto: quello di veder radiati tre poveri cristi, colpevoli di aver intuito da molto tempo il marcio che regna all’interno del sistema calcio, con una FIGC a mio avviso da rifondare. Scommettopoli non è altro che un piccolo iceberg in una immensa distesa ghiacciata, che non riesce a vedere la luce del sole. Gradirei, a questo punto, che i benpensanti del giornalismo italiano facciano i nomi dei veri colpevoli, quelli tanto per intenderci che stanno dietro le quinte. Gigi Moncalvo, Giampiero Mughini e Piero Ostellino qualcosa hanno già scritto. Bisogna ora arricchire la lista con altri nomi, chiedersi il perché alcuni personaggi(leggi Carraro) l’hanno fatta franca.

  • Mi e’ sempre stato antipatico a pelle, lo devo ammettere, ma su questo argomento e su altri e’ stato uno dei pochi ad ammettere che era prevenuto e che, incredibile, aveva sbagliato! Chapeau, Dott. Bea, seppur di vedute distanti dalle sue politicamente non posso che farLe i miei complimenti. Ha la mia stima come uomo e come giornalista!

  • @alessandro magno\r\n\r\nnon è juventino ma è intellettualmente onesto cosa che invece non riscontro nella quasi totalità dei giornalisti italiani: tutti yesman pronti a leccare il potente di turno. Basta vedere come non ci sia uno che uno capace di fare domande scomode al Moratto. Grande Beha. Presidente Agnelli che dire di dedicare una stella a tutti questi personaggi che pian piano stanno svegliando le coscienze degli italiani?

  • è inammissibile che 2 sole persone (palazzi e abete) possano detenere un potere totale e incontrastato sul mondo del calcio. è naturale che sorgano dei dubbi sul loro operato, indipendentemente dalla fede calcistica di ognuno.\r\ndata l’importanza che il calcio assume in italia, la FIGC davanti a tali e tanti scandali andrebbe seriamente commissariata

  • sulla carta palazzi dipenda da abete, ma in realtà penso sia il contrario a giudicare dalla deferenza con cui reclama da palazzi il pronunciamento sul cartone e soprattutto dal risultato che ottiene.

Commenta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi