Morata in cambio di Dybala: l’Atletico ci prova, la posizione della Juve

Per riscattare l’attaccante spagnolo la Juventus avrebeb bisogno di 45 milioni, l’Atletico chiede in cambio Dybala

dybala morata juventus atletico madrid

Paulo Dybala per pagare l’intero cartellino di Alvaro Morata: è questa la proposta che l’Atletico Madrid avrebbe fatto alla Juventus. L’indiscrezione proviene dalla Spagna ed è stata raccolta da Tuttosport. Nelle prossime settimane, la dirigenza bianconera dovrà decidere il da farsi relativamente all’attaccante spagnolo, sbarcato a Torino con la formula del prestito. Secondo le clausole previste dall’accordo tra i due club, Morata può restare in bianconero un’altra stagione pagando 10 milioni di prestito e poi riscattandolo eventualmente nel 2022 a 35 milioni, oppure con un riscatto immediato a 45 milioni.

Dybala in cambio di Morata? La posizione della Juve

Di soldi contanti ce ne sono pochi, ragion per cui la Juve sta riflettendo seriamente a proposito della posizione di Morata. Fabio Paratici vorrebbe ridiscutere i termini dell’accordo, ma i Colchoneros non sembrano essere disponibili. Piuttosto, se proprio la Vecchia Signora non volesse tirare fuori soldi freschi, il club di Diego Simeone preferirebbe avere in cambio Paulo Dybala. Una proposta che spiazza i bianconeri, perché se è vero che il valore de la Joya è letteralmente crollato da inizio stagione ad oggi, è altrettanto vero che comunque è superiore ai 45 milioni necessari per il riscatto di Morata.

Le voci su Asensio

Nelle ultime ore sono circolate voci anche di un possibile scambio tra Juventus e Real Madrid, con Dybala che finirebbe ai Blancos in cambio di Marco Asensio, 25enne attaccante esterno spagnolo. Anche su questo versante non sembra esserci molta convinzione da parte della dirigenza di Madama. Tra l’altro, lo scenario potrebbe cambiare totalmente proprio in virtù della posizione di Paratici e del vice presidente Pavel Nedved. Non è affatto scontato che i due, in scadenza di contratto a giugno, alla fine rimangano. Anzi, se la Juve non dovesse centrare il 4° posto e la qualificazione alla Champions League, potrebbero saltare esattamente a ruota di Andrea Pirlo, ormai destinato all’addio.