Montero: “Voglio squadra pragmatica e concreta, lavorerò per Allegri”

La presentazione ufficiale del nuovo allenatore della Juventus Under 19

montero juventus under 19

Paolo Montero si presenta ufficialmente da nuovo allenatore dell’Under 19 della Juventus. Parlando al canale ufficiale del club bianconero, l’ex numero 4 ha dichiarato: “Sono molto contento di esser tornato. La Juve è stata casa mia per tanti anni – ricorda – sono rimasto molto legato a Torino, anche la mia famiglia. La gente è cordiale, rispettosa, non ti invade. Contento di reincontrare i miei ex compagni come Pessotto, ringrazio tutta la dirigenza che mi ha voluto qua. Adesso non ci sono scuse, parlano i fatti e bisogna lavorare”.

Il nuovo allenatore della Juventus Under 19

La Juve ha scelto l’ex difensore per cercare di preparare i giovani per la prima squadra. “Ho allenato in Serie A ma in Sudamerica. Dobbiamo rendere continuamente qui e i giocatori sono giovani. L’obiettivo deve essere quello di portarli al meglio della loro qualità. Io penso che dobbiamo lavorare per la prima squadra. Posso mettere a disposizione la mia esperienza, il senso di appartenenza. Cosa significa avere la fortuna di stare qua un’altra volta e non dimenticare tutti gli sforzi che uno ha fatto in un paese povero del Sudamerica prima di arrivare alla Juventus. Il calcio – continua – è quello che amo e non è un sacrificio per me, voglio trasmettere questo, che ringrazino di essere qui. A Vinovo è bello. Io mi allenavo alla Sisport e al Comunale con un campo solo, qua invece ci sono dieci spogliatoi, cinque campi…”.

Montero: “Cosa chiederò ai ragazzi”

Quanto al suo credo calcistico, poi, aggiunge: “Voglio squadre aggressive, corte, dinamiche. Con transizione veloci. Dobbiamo essere pragmatici, concreti, capire quando si può giocare e quando no. Cercherò di inculcare le mie idee collaborando con Brambilla e Allegri che hanno più esperienza di me. Sono contento di essere tornato a casa e voglio ringraziare tutti per l’affetto che mi hanno sempre dimostrato anche quando tornavo a Torino solo per un saluto. Ora voglio lavorare tanto per il bene della Juventus”, conclude.