Marotta svaluta Icardi: la Juventus lo prende con lo sconto?

marotta icardi juventus

Le dichiarazioni di oggi di Beppe Marotta su Mauro Icardi (e Radja Nainggolan) sono un assist clamoroso alla concorrenza. L’ex dg della Juventus, oggi all’Inter ha rivelato: “Non rientrano nei nostri piani, abbiamo già parlato con loro, con tutto il rispetto a loro dovuto. Icardi anche se è sul mercato deve prendere parte agli allenamenti”. Poche parole ma pesantissime perché ora pongono sostanzialmente i nerazzurri con le spalle al muro e senza potere di contrattazione. In un primo approccio con Fabio Paratici, Marotta ha chiesto per Icardi 100 milioni o il cartellino di Paulo Dybala. Una richiesta folle se si pensa che Maurito è rimasto in tribuna due mesi lo scorso anno e che se non sarà ceduto rimarrà all’Inter fuori squadra e con lo stipendio più alto della rosa.

In un primo momento sembrava che Icardi rischiasse di non prendere parte nemmeno al ritiro estivo, ma per evitare di incorrere una causa sportiva, il club milanese ha deciso di rispettare i propri doveri. “Una cosa è affermare che Icardi è sul mercato, è questo lo abbiamo detto, una cosa è rispettare quelli che sono poi gli aspetti contrattuali, un accordo collettivo che prevede comunque che il calciatore debba prendere parte agli allenamenti, quindi debba essere allenato. Noi – insiste Marotta – non vogliamo assolutamente venir meno ai nostri doveri. Poi ci sono anche dei diritti, come quello dell’allenatore di scegliere la formazione da mettere in campo”​.

La Juventus valuta Icardi 40 milioni

Insomma, domani Icardi si presenterà nel ritiro dell’Inter da separato in casa e con il passare dei giorni il suo valore continuerà a calare vistosamente. La Juventus rimane vigile, così come il Napoli, ma non sembra voler andare oltre i 40 milioni di euro. Una cifra che comunque consentirebbe ai nerazzurri di fare un’importante plusvalenza visto che attualmente l’argentino è a bilancio per 4,5 milioni. Più seria la questione Nainggolan, che è stato pagato 38 milioni un anno fa e quasi certamente porterà ad una minusvalenza.