Interviste

Marotta avvisa la Juve: “Se perdiamo questo scudetto…”

Marotta Juventus-Sassuolo 2018-2019

Beppe Marotta ha difeso le scelte di Allegri e parlato anche del suo possibile futuro in Figc prima del calcio d’inizio di Juventus-Sassuolo

Beppe Marotta sta come sempre con Massimiliano Allegri senza se e senza ma. Costantemente criticato per le scelte di formazione e per il gioco da una fetta di tifoseria della Juventus, il tecnico bianconero ha la fiducia incondizionata da parte della società. “Credo che l’allenatore possa sbizzarrirsi con l’undici che desidera – ha dichiarato il dg della Vecchia Signora a Sky poco prima di Juventus-Sassuolo – . Qui sono tutti titolari, la rosa è competitiva. Oggi ha messo questi undici, con una potenza offensiva di tutto rispetto. Il calcio si fa di risultati, ma anche di spettacolo, mi auguro che oggi sia così. Dybala? Giusto che gli allenatori usino un linguaggio criptato, sicuramente senza malizia e rispetto. Il fatto di avere una rosa competitiva – continua – significa dosarli, anche perché in questo mese avremo tanti impegni importanti”.

Dopo quattro giornate la Juventus è a punteggio pieno con 3 punti di vantaggio sul Napoli, mentre le altre cosiddette big sono molto indietro: la Roma ha 5 punti, Inter e Milan 4. Insomma, c’è la possibilità che i campioni d’Italia chiudano il discorso molto presto quest’anno (con tutti gli scongiuri del caso): “Non dobbiamo nasconderci – ammette Giuseppe Marotta – , siamo la squadra più forte per lo scudetto. Probabilmente se non lo vinciamo sarà stata colpa nostra. Siamo in una fase interlocutoria, bisogna avere pazienza prima di esprimere giudizi. Si evidenzia il valore delle provinciali, aumentato grazie agli allenatori”.

Marotta presidente Figc?

Infine, una battuta sulle indiscrezioni circolate nei giorni scorsi: ci sarebbero tanti club di Serie A che vorrebbero Marotta alla presidente della Figc, subito o nel 2021: “Sono contento che alcune società, alcuni presidenti, alcuni dirigenti, pensino a me. È un fatto che mi lusinga, però io sono alla Juventus e, quindi – conclude – , sono alla Juventus, punto”.

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi