Mandragora al posto di Pjanic? “Se tornassi alla Juve vorrei giocare playmaker”

Rolando Mandragora ha parlato a Sky Sport del suo possibile ritorno alla Juventus

mandragora pjanic juve

Rolando Mandragora potrebbe tornare in estate alla Juve. Per restarci? Non si sa, ma da diverse settimane si dice che Fabio Paratici, dopo averlo ceduto a titolo definitivo all’Udinese per 20 milioni di euro, sia pronto a controriscattarlo dai friulani per la cifra di 26 milioni di euro pattuita nel 2018. Intervistato da Sky Sport, oggi il 23enne centrocampista campano ha ammesso: “In questo momento sono un giocatore dell’Udinese. Fa sempre piacere sentire che si piace a squadre importanti – sottolinea – In questo momento si fa fatica a parlare di calcio, è una situazione surreale, abbiamo solo da stare uniti e cercato di uscire quanto prima da questa situazione. Nel caso in cui dovessi tornare a Torino mi piacerebbe giocare nel posto di play. Conosciamo la forza di Pjanic, e di Bentancur, ma ci proverei volentieri a prendergli il posto. Idolo? Pirlo, ovviamente con caratteristiche diverse, ma nel ruolo che ricopro può essere lui”.

Mandragora controriscatto per una nuova cessione?

Da quando è a Udine, Mandragora ha fatto molto bene e la Juve vorrebbe riprenderne il controllo del cartellino per poi decidere il da farsi. Se una volta in ritiro con mister Maurizio Sarri (sembra voglia sostituire Pjanic in regia) non lo convincesse, sarebbe utilizzato come pedina di scambio. Si parla, infatti, di un interesse della Fiorentina, che potrebbe acquistarlo in un’operazione più ampia che potrebbe portare almeno uno tra Federico Chiesa e Gaetano Castrovilli in bianconero. “Giocatore più forte? Ho avuto la fortuna di giocare contro Cristiano Ronaldo, quindi è facile. Difensore più forte? Chiellini. Se mi sto tenendo buoni i bianconeri per un ritorno alla Juve? Sì – conclude Mandragora a Sky – è proprio per quello (ride, ndr)”.