La Juve pesca a Genova: Pazzini e Palladino

PalladinoIl progetto BlancSecco è fallito in modo clamoroso e a pagare sarà Ciro Ferrara. Oltre a lavorare sul fronte dell’allenatore, la Vecchia Signora sta lavorando anche per dare al futuro tecnico un paio di rinforzi, necessari visto il certificato fallimento della campagna acquisti estiva (su tutti i brasiliani Diego e Melo). Secondo ‘TuttoSport’, dopo gli arrivi di Paolucci e Candreva la Juventus sta lavorando soprattutto su due giocatori che militano a Genova: Giampaolo Pazzini della Sampdoria e Raffaele Palladino del Genoa, in comproprietà proprio con i bianconeri.\nDifficile che la Sampdoria possa privarsi di Pazzini (vista la difficile situazione di Cassano, sulla via dell’addio) il cui nome è però di stretta attualità per giugno, quando la Juventus dirà addio ad Amauri (chiesto da alcuni club inglesi, con il Milan sempre vigile). Sull’ex attaccante della Fiorentina, però, c’è anche il Chelsea, pronto a sborsare 20 milioni di euro cash. Il giocatore preferirebbe restare in Italia e non rifiuterebbe mai una chiamata della Juventus. Palladino, invece, servirebbe invece alla Juventus da subito. Con gli arrivi di Suazo e Acquafresca il Genoa potrebbe decidere di dare via Palladino in prestito alla Juve fino a giugno, con Preziosi che valuta l’altra metà del cartellino del giocatore circa 4 milioni di euro, la stessa cifra che servirebbe per riscattare l’altra metà di Criscito.\n\n(Credits: Calciomercato.it)