Editoriali

La Juve, Higuain e il contraccolpo psicologico

Higuain - Calciomercato Juventus
Scritto da Fabio Cuoco

Higuain alla Juventus? Non c’è ancora nulla di ufficiale e le smentite piovono come gocce di grandine in pieno inverno…

Higuain alla Juventus? Non c’è ancora nulla di ufficiale e le smentite piovono come gocce di grandine in pieno inverno.\r\nEppure la suggestione è forte, un colpo di mercato che, sulla carta, arricchirebbe entrambe le parti: con l’arrivo di Gonzalo Higuain, la Juventus acquisterebbe uno dei migliori centravanti al mondo che, in coppia col connazionale Dybala, potrebbe davvero trascinare i bianconeri al traguardo più agognato e che, solo per scaramanzia, non viene mai nominato.\r\nIl Napoli, dal canto suo, seppur rafforzando una diretta concorrente, incasserebbe tanto cash accompagnato da contropartite tecniche importanti: si pensi soltanto a Pereyra, un giocatore che, quando chiamato in causa con la maglia della Juve, non ha quasi mai deluso le aspettative, ed a Rugani, futuro baluardo della nazionale italiana e giovane di grande prospetto.

\r\n

Insomma, un affare di mercato che sembrerebbe favorire entrambe le società, eppure c’è un aspetto, quello più lontano dal calcio giocato, quello meramente “socio-sportivo”, che riguarda le tifoserie.

\r\n

Quella napoletana ha sempre manifestato il suo “odio sportivo” nei confronti di quella bianconera, pur non essendo quasi mai ricambiata, e, di certo, vedere il proprio beniamino, quel “Pipita” col quale ciascun tifoso azzurro si riempie la bocca quando parla della sua squadra, potrebbe fargli veramente molto male.

\r\n

Già durante le scorse stagioni, una situazione del genere si verifico con Quagliarella: seppure il bomber di Castellammare di Stabia non abbia mai raggiunto i numeri di Higuain, era forte il legame con la tifoseria viste le sue origini. L’annuncio della sua cessione agli acerrimi nemici juventini fu mal digerita dalla piazza napoletana che, però, ebbe modo di consolarsi ben presto con le magie di Edinson Cavani.

\r\n\r\n

Higuain-Napoli: la storia si ripete?

\r\n

Adesso la storia potrebbe ripetersi, ma stavolta, probabilmente, il contraccolpo psicologico potrebbe essere molto più forte, sia per i numeri che il Pipita ha raggiunto con la maglia azzurra (non ultimo il record di 36 reti in un singolo campionato), sia per l’affetto che in questi anni la tifoseria napoletana ha dimostrato nei confronti del bomber argentino che, da un giorno all’altro, potrebbe trasformarsi in “odio”.

\r\n

Anche il presidente De Laurentiis rischia una rivolta dei propri tifosi per la cessione di un pezzo da novanta alla diretta concorrente per eccellenza. Insomma, la situazione è delicata, ma, si sa, di fronte al dio denaro, tutto è possibile. Staremo a vedere come finirà questa nuova telenovela calcistica di mezza estate.

3 Commenti

  • Di seguito, il comunicato pubblicato sul sito ufficiale della SSC Napoli: \r\n\r\n”Il Napoli legge con stupore quanto scrive oggi Tuttosport, che, senza seguire le regole giornalistiche che prevedono la verifica della fonte, afferma che il Presidente De Laurentiis farebbe telefonate “a vuoto” a Gonzalo Higuain che “non risponde”. La ‘notizia’ ovviamente non corrisponde a verita’ e appare veramente incredibile che una testata che fa parte di un gruppo guidato imprenditorialmente da Roberto Amodei possa scadere in un gossip di cosi’ basso livello alimentato senza fare alcun riscontro almeno con una delle due parti interessate. Se qualcuno dice che Gonzalo Higuain riceve telefonate da De Laurentiis e non risponde alle sue chiamate, un buon giornalista dovrebbe, per suo obbligo deontologico, verificare con De Laurentiis se questa ‘notizia’ corrisponda al vero. Questo non e’ stato fatto e infatti non corrisponde al vero”.\r\n\r\nN.B. : Non abbiamo ancora capito se sono più fessi igiornalisti di questi giornali di merda o voi che vi ammoccate ste cazzate.

  • Aaaaa adesso abbiamo capito il perchè di questa commedia su Higuain inventata da quei giornalai di merda di quei giornali di proprietà della vs. proprietà ancora più di merda.\r\nTutto questo per tenere lontana l’attenzione da quel trafiletto riguardante il suicidio del mafioso e del provino al figlio del mafioso, tutti appartenenti alla vs schifosissima tifoseria che si distingue ovunque.\r\nMa d’altra parte i piemontesi ci sn abituati, l’unità di questo paese di merda è stata ottenuta grazie ad accordi con mafia, ndrangheta e camorra.\r\naltrimenti il gay pride con le camice rosse non sarebbe mai sbarcato nel Regno di Napoli che era il più ricco d’Italia e Napoli la 3 capitale d’Europa dopo londra e Parigi.\r\nma quei giornaletti possono fare fessi voi, di certo non noi.

Commenta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi