Kulusevski: “Juve, voglio 10° scudetto e Champions”

Il nuovo acquisto della Juventus a Tuttosport: “Lusingato del paragone con Nedved”

kulusevski juve 10 scudetto champions

Tutte le ambizioni di Dejan Kulusevski nell’intervista rilasciata oggi a Tuttosport. Lo svedese classe 2000 ha concluso il 2 agosto la sua avventura in prestito al Parma ed è ora a tutti gli effetti un calciatore della Juve. Ora si godrà qualche giorno di vacanza, ma non vede l’ora di iniziare la sua avventura con la maglia bianconera. “Sono già focalizzato per vincere il decimo scudetto – esordisce – sarà una bella sfida con Inter e Atalanta. E voglio vincere la Champions. Sarri punta tanto sul dominio e sul possesso palla, i giocatori sono molto vicini tra loro. Mi intriga tantissimo come gioco. Potrò aiutare la squadra sia come esterno sia come mezzala”.

Di sicuro, lo svedese non è un giocatore da spazi stretti e triangolazioni ad u1-2 tocchi, ma un elemento che ha bisogno di campo per essere devastante. Imbrigliarlo nel gioco praticato quest’anno dalla Juve, sarebbe per lui deleterio. Comunque sia, il ragazzo rimane ottimista e attende l’inizio del ritiro per la prossima stagione per conoscere i nuovi compagni. “Ho parlato con i dirigenti e insieme abbiamo deciso che invece di aggregarmi alla Juve fin da ora è meglio aspettare la nuova stagione, perché sarà una annata intensa, lunga e ho bisogno di riposare un po’”.

Kulusevski: “Ho già parlato con Ronaldo”

Ovviamente, i tifosi già sognano il tridente Kulusevski-Ronaldo-Dybala: le difese avversarie sono avvisate. “Dybala è un idolo – ha aggiunto – Non vedo l’ora di giocare con Paulo. Cristiano? L’ho già incontrato ed è stato super emozionante. Quando a gennaio sono venuto a Torino per firmare il contratto, Cristiano mi ha raggiunto in sede con Chiellini, Buffon e Bonucci per darmi di persona il benvenuto. Con CR7 ho scherzato anche prima di Juve-Parma, ma quello che ci siamo detti non posso dirlo… Da fuori Cristiano può sembrare una star, ma parlandogli ho scoperto un ragazzo alla mano. Che emozione. Io come Nedved? Lusingato”, conclude.