Kulusevski: irrompe il Manchester United, Juve che fai?

Dejan Kulusevski non ha fin qui brillato alla Juventus nonostante l’investimento di 44 milioni di euro

kulusevski manchester united juventus

Dejan Kulusevski è stato fin qui protagonista di una stagione nettamente al di sotto delle attese e la Juventus deve ora decidere il da farsi. Per assicurarsi il talento svedese classe 2000, i bianconeri hanno versato nelle casse dell’Atalanta 35 milioni di euro estensibili con 9 milioni di bonus. Una cifra importante che fin qui non è parsa giustificata dalle prestazioni. Eppure, con la maglia del Parma il nazionale svedese sembrava un fulmine di guerra. Purtroppo le maglie non hanno tutte lo stesso peso e inoltre gli avversari si pongono in maniera diversa a seconda della squadra che affrontano. Insomma, per il Parma è più facile trovare spazi, ma contro la Juve giocano in tanti arroccati in difesa e pronti al contropiede.

Kulusevski la carta per arrivare a Pogba?

Nei giorni scorsi, secondo Calciomercato.com, su Kulusevski sarebbe piombato il Manchester United. Il tecnico dei Red Devils, Solskjaer, stravede in fatti per l’ex calciatore di Parma e Atalanta e sarebbe pronto a dare un investimento importante su di lui. Il discorso potrebbe essere allargato anche a Paul Pogba, che in sostanza tornerebbe a Torino per il cartellino dello svedese più un conguaglio in denaro. Al momento, però, la posizione della Juventus sembra chiara: con i Red Devils si può imbastire uno scambio, magari con doppia plusvalenza, ma a Kulusevski si vuole dare un’altra chance.

Una seconda chance da non fallire

Il ragazzo ha solo 21 anni e Fabio Paratici crede molto nelle sue qualità. Ovviamente, molto dipenderà anche dal prossimo allenatore – che sia Pirlo o chi per lui – perché Kulusevski ha bisogno anche di un modello di gioco che lo esalti o quantomeno lo metta nelle condizioni per farlo. Lui, dal canto suo, dovrà fare la sua parte, perché se davvero la Juventus gli darà una seconda chance e la butterà alle ortiche, non ce ne sarà una terza.