Juventus: 2,5 milioni a Sarri per evitare il 3° anno di contratto

La società bianconera ha deciso pagare la penale a Maurizio Sarri

juventus sarri rescissione

AGGIORNAMENTO ORE 20:35 – La Juventus ha deciso di versare 2,5 milioni a Maurizio Sarri per non far scattare il terzo anno di contratto automatico. Da domani, il tecnico potrà accordarsi con un’altra società (Lazio in pole).

La clausola tra la Juventus e Sarri

Sono ore frenetiche per la Juventus e Maurizio Sarri, che è dato in trattative con la Lazio. Alle mezzanotte di oggi, infatti, scade la clausola che consentirebbe al club bianconeri di disinnescare un terzo anni di contratto per il tecnico che è stato esonerato al termine della stagione sportiva 2019-2020. Versando all’ex allenatore di Napoli, Chelsea ed Empoli 2,5 milioni di euro, la Juve chiuderebbe qui la partita. In alternativa, la società di Andrea Agnelli potrebbe rischiare, ovvero non utilizzare la clausola e lasciare che scatti il terzo anno di contratto.

Cosa succede se la Juve non dà a Sarri 2,5 milioni

A quel punto, a Sarri spetterebbero sì 5,5 milioni di euro più bonus, ma se volesse accasarsi in un’altra squadra (ad esempio i biancocelesti), la stessa e il tecnico dovranno bussare alla porta della Vecchia Signora e trovare un’intesa. In quel caso, la Juventus non solo non dovrebbe più pagare l’ingaggio al tecnico, ma potrebbe anche ricavarci qualcosa. È già successo proprio ai bianconeri che per liberare Sarri dal contratto con il Chelsea furono costretti a versare una sorta di “penale” (un fisso di 1 milione più 2 di bonus legati ai risultati) ai Blues.