Juventus, ore calde per il futuro della panchina: la situazione

Zidane chiede tempo al Real, Allegri non va al Napoli senza Champions, Pirlo chiede la conferma

juventus panchina situazione

All’indomani della vittoria di Bologna, presso il quartiere generale della Juventus è subito riunione: si deve decidere il futuro della panchina bianconera. Il primo ad arrivare alla Continassa è stato il vice-presidente Pavel Nedved, mentre in seguito è stata segnalata anche la presenza di mister Andrea Pirlo. Il tecnico bresciano ieri si è nuovamente auto confermato in diretta TV, forte del suo contratto in scadenza a giugno del 2022. “La società non mi ha ancora comunicato nulla”, ha però sottolineato il “maestro”, confermando indirettamente che ancora non sappia se effettivamente continuerà a lavorare al JTC anche nella prossima stagione.

Pirlo si autoconferma: obiettivi minimi raggiunti

La Juventus ha chiuso la stagione con la Supercoppa Italia, la Coppa Italia e il 4° posto, obiettivi davvero minimi senza scudetto e con l’eliminazione agli ottavi di Champions League. Farebbe specie se la dirigenza della Juve non avesse già deciso, perché le stagioni si programmano per tempo e non ci sembra credibile che la proprietà non abbia uno straccio di programmazione. La questione panchina sembra essersi ormai ristretta a tre nomi: se Pirlo non sarà confermato, le alternative possono essere solo Zinedine Zidane o Massimiliano Allegri.

Panchina Juventus: il cerchio si stringe

Il primo ha chiesto qualche giorno di tempo al Real Madrid per pensare al futuro. Il secondo sembra stufo di aspettare una chiamata del Real che attende a sua volta la risposta da Zizou e sarebbe pronto a dire sì ad una chiamata della Juve (fonte Tuttosport). Inoltre, sembra più difficile che il tecnico livornese accetti di allenare il Napoli senza Champions League (fonte Gianluca Di Marzio) e per giunta alle cifre riportate in questi giorni (4 milioni, circa la metà del suo ultimo stipendio in bianconero). Nei giorni scorsi sono circolati anche i nomi di Gennaro Gattuso, che sembra alquanto improbabile soprattutto dopo l’Europa League conquistata col Napoli, Sinisa Mihajlovic (alla fine resterà a Bologna) e Simone Inzaghi (che fatica a trovare l’intesa per la conferma alla Lazio).