Juventus: un mese senza Alex Sandro e De Sciglio, debuttano gli Under 23?

Sarri potrebbe fare ricorso a Wesley, Frabotta e Beruatto visto che si gioca ogni tre giorni

juventus alex sandro de sciglio wesley under 23

La Juventus di Maurizio Sarri dovrà fare a meno di Alex Sandro e Mattia De Sciglio per un mese ed è inevitabilmente emergenza terzini. Attualmente nella rosa bianconera, di ruolo è rimasto solo Danilo, che tra l’altro salterà la sfida di venerdì con il Lecce per essersi fatto cacciare fuori in maniera sconsiderata a Bologna. A meno di sorprese, il tecnico della Vecchia Signora nel match casalingo contro i salentini schiererà Cuadrado a destra e a sinistra adatterà Blaise Matuidi. Escluso al momento un esperimento che va tanto di moda sui social network tra gli allenatori da tastiera, ovvero Federico Bernardeschi “alla Zambrotta”.

Juventus: Sarri lancia un terzino Under 23?

La situazione della rosa Juve è però molto deficitaria ed è davvero difficile escludere altri infortuni vista la semplicità con la quale fioccano i ko muscolari. Un problema che molti pensavano si risolvesse con la cacciata di Allegri e del suo staff atletico, ma che in realtà si sta riproponendo addirittura in maniera più incisiva. Per le prossime gare, dunque, Sarri valuta il ricorso a qualche Under 23, in particolare ai mancini Pietro Beruatto e Gianluca Frabotta, e il terzino destro Wesley. Si tratta di elementi che si allenano con i “grandi” stabilmente da settimane, ma hanno ben poca esperienza, se non quella maturata nel girone A della Serie C agli ordini di mister Pecchia.

Wesley oggetto misterioso

Il brasiliano ha vissuto sei mesi in prestito al Verona, dopo essere stato prelevato a parametro zero dal Flamengo, ma Juric non lo ha mai chiamato in causa. Insomma, in tanti invocano un atto di coraggio da parte di Sarri, ma il tecnico bianconero ci va con i piedi di piombo perché, come ha ribadito l’altra sera dopo la vittoria di Bologna, vanno bene le opinioni, ma nel calcio contano i risultati. La conversione definitiva dell’ex tecnico di Napoli e Chelsea al “corto muso”?