Juventus, Marotta: “Conte non si tocca, Zuniga e Higuain mai obiettivi”

giuseppe_marotta_pirloGiornata importante per la Juventus, che dopo aver annunciato il nuovo sponsor tecnicoAdidas – a partire dalla stagione 2015-2016, ha incontrato gli azionisti in un cda nel corso del quale Andrea Agnelli ha parlato di presente e futuro. Al termine del consiglio d’amministrazione, ha parlato anche il direttore generale, Giuseppe Marotta, che ha rilasciato importanti dichiarazioni sul mercato: “Zuniga e Jovetic li abbiamo contattati solo per depistare – ha detto il dg bianconero – Le voci su Prandelli al posto di Conte in futuro sono assolutamente infondate”, ha continuato.\r\n\r\nNonostante le indiscrezioni si siano rinfocolate proprio in questi giorni, Antonio Conte farà ancora parte del progetto della Juventus. Così come Pogba e Vidal:\r\n

“Conte ha un contratto che scade nel 2015, con lui abbiamo un ottimo rapporto, siamo molto contenti del suo lavoro. Per cui immaginare che ci stiamo dedicando alla ricerca di un altro allenatore è cosa fuori da ogni verità”, ha precisato Marotta. “Con Vidal proseguiti i contatti, siamo ai dettagli ma abbiamo l’accordo di massima e presto annunceremo la firma. Vuole rimanere e togliersi delle soddisfazioni con noi. Pogba è diventato un campione rapidamente. Abbiamo ottimi rapporti con i suoi agenti, rinnoveremo anche con lui”.

\r\nPoi la difesa di Buffon, che non sta attraversando un periodo fortunato:\r\n

“Buffon è un campione – spiega il dg dei campioni d’Italia -, un professionista serissimo, un leader dello spogliatoio, il capitano nostro e della Nazionale. È uno dei migliori portieri al mondo e rappresenta il massimo delle aspirazioni di un calciatore e il massimo dei desideri per un allenatore e per i dirigenti che gestiscono un gruppo di professionisti. Gli si può permettere dunque che a volte non sia lo straordinario portiere che è sempre stato. Alcuni ‘infortuni’ capitano”.

\r\nInfine, una battuta sul settore giovanile, nel quale in questi anni la Juve ha investito molto, anche se a dire il vero di campioni ancora non se ne sono visti:\r\n

“Il settore giovanile deve essere la linfa per il futuro. Investiamo circa 10 milioni per la struttura. Siamo costretti a fare contratti da professionisti ai giovani perché non possiamo usare la formula dell’apprendistato”, ha concluso Beppe Marotta.

\r\nFoto Getty Images – Tutti i diritti riservati