Interviste Primo Piano Video

Juventus-Dinamo Zagabria 2-0: interviste Allegri, Dybala e Higuain [VIDEO]

allegri juventus-dinamo zagabria
Scritto da Redazione JM

Juventus-Dinamo Zagabria 2-0, le interviste: parola al tecnico Massimiliano Allegri, al rientrante Dybala e al ‘Pipita’ Higuain

Juventus-Dinamo Zagabria 2-0, le interviste. Massimiliano Allegri è soddisfatto al termine del match vinto contro i croati, ma non vuole sentir parlare di “convenienza” o meno del primo posto nel Gruppo in vista degli ottavi di finale di Champions League. Alla fine, decideranno le palline del sorteggio:

“Se conviene essere passati come primi? Dipende dalla pallina del sorteggio - risponde a Premium Sport - , se è giusta sì, se non è giusta conviene lo stesso perché tanto dovremo giocarci contro. Il tridente potrebbe essere una soluzione futura? Potrebbe essere una soluzione anche a partita in corso, dipenderà dalle partite”.

Rispetto alla partita contro l’Atalanta, Pjanic è tornato nel ruolo di mezzala ma comunque per Allegri la partita è stata buona ugualmente.

“La gara di Pjanic? È uno dei giocatori che ha giocato di più, contro l’Atalanta ha fatto una gara intensa, oggi c’erano meno spazi ma ha fatto delle buone giocate. Il centrocampo a rombo? È un sistema di gioco che ci permette di avere più giocatori dentro il campo ma anche con l’altro sistema di gioco abbiamo fatto bene, le 12 partite vinte in campionato le abbiamo affrontate con quel modulo. Non è tanto il sistema di gioco che conta ma è l’interpretazione che diamo: dobbiamo muoverci di più durante le partite”.

Durante la gara, il tecnico toscano ha cambiato modulo, il perché è presto detto…

“L’ho fatto per mettere più uomini dentro il campo, eravamo lenti anche se abbiamo avuto occasioni per andare in vantaggio. Nella ripresa abbiamo fatto meglio, loro si sono aperti e per noi è diventato più facile. Era importante passare come primi, in più non avevamo mai vinto in casa in Champions. Abbiamo raggiunto il primo obiettivo stagionale”.

Ora, ci sono da affrontare partite difficilissime in campionato contro Torino, Roma e Milan, infine la Supercoppa il 23 dicembre:

“Mancano sette gare europee prima della finale di Champions? Dobbiamo pensare al Torino adesso, poi alla Roma e al Milan in Supercoppa. Poi dopo penseremo alle altre sette partite di Champions che ci separano dalla finale. Sette comunque è un bel numero, speriamo sia fortunato. Dove può crescere questa squadra? Non ci manca assolutamente niente - dice sicuro Allegri - , i giocatori che ho sono degli ottimi calciatori che vanno sfruttati per le loro qualità. In questo momento stiamo facendo bene, siamo primi in classifica in campionato e siamo passati agli ottavi di Champions come primi. Più di così non potevo chiedere, poi è normale che dobbiamo migliorare dal punto di vista del gioco, del concedere meno tiri in porta e di stare più ordinati”.

Juventus-Dinamo Zagabria 2-0: Dybala

Felicissimo per il rientro in squadra, Paulo Dybala si è così espresso ai microfoni di Premium Sport: “Sono molto contento di essere rientrato, avevo tanta voglia di tornare in campo. In questi giorni non ho avuto nessun fastidio, non so se sono pronto per giocare 90 minuti ma per giocare più minuti rispetto a stasera sì”.

A 40 giorni dall’infortunio, la ‘Joya’ ora potrà dare una grossa mano ad Allegri, da attaccante, ma anche eventualmente da rifinitore.

“Io trequartista dietro due punte? Questo bisogna chiederlo al mister, si può giocare, ho fatto il trequartista tante volte e non ho nessun problema a giocare lì ma le scelte poi le fa l’allenatore. In attacco mi trovo bene in tutti i ruoli, trequartista, seconda o prima punta”.

Infine, una battuta sui sorteggi di lunedì prossimo: “Chi vorrei incontrare agli ottavi? Va bene qualsiasi squadra, non dobbiamo avere paura. Con la rosa che abbiamo possiamo battere chiunque, dipenderà solo da noi”, conclude.

Juventus-Dinamo Zagabria 2-0: Higuain

Dopo 35 giorni di digiuno, Gonzalo Higuain è tornato finalmente al gol contro la Dinamo Zagabria. Ecco le sue parole a Premium Sport: "Se mi mancava il gol? Sì - ammette - , tutti gli attaccanti vogliono sempre fare gol ma non sempre ci si riesce. Quando non si può fare gol bisogna cercare di aiutare la squadra in altri aspetti. Io ero tranquillo, adesso è arrivato il gol e sono felice".

Nel finale è tornato Dybala e per l’argentino si prospetta il ritorno ad un ruolo più di finalizzatore.

"In questo periodo senza Dybala il mister mi ha chiesto di aiutare molto la squadra e sono un po’ uscito dalla zona dove di solito sono abituato a giocare. Meglio essere passati come i primi? Avevamo tre obiettivi prima della sosta: passare il girone come primi, restare in testa alla classifica in campionato e vincere la Supercoppa. Siamo sulla strada giusta - conclude - , dobbiamo migliorare e adesso riposare prima del derby”.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi