Juventus: in arrivo 7 gare in 23 giorni, decisivo il turnover

A partire dalla sfida col Crotone di sabato, la Juve scenderà in campo ogni tre giorni fino all’8 novembre

juventus 7 partite 23 giorni

Sta per arrivare il primo tour de force stagionale per la Juventus, che tra il 17 ottobre e l’8 novembre sarà impegnata in 7 partite in 23 giorni tra campionato e Coppa. Si parte sabato sera a Crotone, si prosegue martedì con il debutto in Champions League (qui il calendario completo) a Kiev contro la Dinamo. Domenica 25 ottobre c’è poi la gara casalinga col Verona e dopo tre giorni la sfida stellare allo Stadium contro il Barcellona dell’ex Pjanic. Poi trasferta contro lo Spezia l’1 novembre, Ferencvaros in Ungheria il 4 novembre e infine Lazio-Juve l’8 novembre.

Juventus: si gioca ogni tre giorni, il turnover di Pirlo

Ad Andrea Pirlo l’arduo compito di gestire le forze con una partenza in salita, visto che diversi nazionali rientreranno proprio a ridosso della gara col Crotone. Dybala e Chiesa, secondo le ultime indiscrezioni, saranno gli ultimi a raggiungere il JTC della Continassa, ragion per cui il tecnico della Vecchia Signora punterà inizialmente sugli elementi che ha potuto maggiormente vedere al lavoro. Tra questi c’è sicuramente Alvaro Morata, che non è stato convocato dalla nazionale spagnola e si candida dunque ad una maglia da titolare allo Scida. Per Dybala e Chiesa, che effettueranno una sola seduta con i compagni, ci sarà spazio nelle gare successive.

Ronaldo e Kulusevski punti fermi

Aspettando de Ligt, al centro della difesa giocheranno ancora Bonucci e Chiellini (ieri a riposo con la nazionale italiana per una botta al ginocchio), ma anche Demiral potrebbe avere una chance, visto che in nazionale sta giocando ed ha ormai raggiunto un buono stato di forma. Compatibilmente con le condizioni atletiche post nazionali, Bentancur e Rabiot si giocano una maglia di fianco ad Arthur, ma visti i numerosi impegni ravvicinati, anche McKennie tornerà nelle rotazioni. In avanti, i punti fermi rimangono Ronaldo e Kulusevski, mentre Ramsey è ormai il titolare di diritto nel modulo con il trequartista. Saranno le varianti a fare la differenza.