Juventus: Agnelli convoca Paratici e Nedved, Sarri rischia?

Dopo tre blackout consecutivi il presidente della Juventus mette sotto esame il tecnico e il resto dell’area sport

juventus agnelli paratici nedved sarri

Il presidente della Juventus chiama a rapporto l’area sport. Come riferisce Sportmediaset.it, oggi si è tenuto un vertice tra Andrea Agnelli, Fabio Paratici e Pavel Nedved. Il CFO e il vicepresidente hanno relazionato sullo stato della squadra, reduce da due punti in tre partite con 9 gol subiti. Gli obiettivi dichiarati sono la vittoria dello scudetto e l’avanzamento fino in fondo alla Champions League, ma le ultime prestazioni hanno rimesso in dubbio anche il primo punto. La Juve ha fallito ben tre match point di fila per chiudere il discorso tricolore, a cui Agnelli tiene particolarmente.

Juventus: Agnelli infastidito dai blackout

Maurizio Sarri è finito nel mirino della tifoseria principalmente, ma è inevitabile che sia osservato speciale anche da parte della dirigenza. Rispetto allo scorso anno la Juventus ha 10 punti in meno, nonostante verso il finale di stagione la squadra di Allegri, falcidiata dagli infortuni e con lo scudetto in tasca, fosse ormai in vacanza. Inoltre, con Sarri la Juve ha sì segnato 3 gol in più, ma ne ha subiti ben 12 in più (35 contro 23), consentendo ad Inter e Atalanta di sperare ancora nello scudetto.

Sarri rischia davvero?

Alla guida della Juventus Under 23 arriva Andrea Pirlo e nelle intenzione di Agnelli il “Maestro” dovrebbe maturare in Serie C per prendere il posto di Sarri presumibilmente nel 2021. Nulla però è da dare per scontato, perché le brutte figure maturate negli ultimi giorni (due rimonte subite con due gol di vantaggio), potrebbero spingere il presidente a cambiare clamorosamente guida tecnica. Anche se Sarri continua a dire che “i cali li hanno anche gli altri”, la Juventus non è come gli altri per la famiglia che la giuda da oltre 120 anni. Se arrivasse il 9° scudetto, la Juve punterebbe inevitabilmente al leggendario traguardo del 10° e potrebbe non essere Sarri a giocarselo. Non rischiano per ora Paratici e Nedved, ai quali sarebbe comunque scaricata la responsabilità di un eventuale insuccesso per via della scelta di allontanare Allegri e chiamare Sarri al suo posto.