Editoriali

Juve, su la testa

Ieri è stata un’occasione sprecata, ammettiamolo. Con tutte le scusanti del caso, con il rigore contro e l’uomo in meno, con la difesa che si è sfaldata solo all’ultimo, però è stata un’occasione sprecata.

\r\n

Anche per me che non ho ancora visto il gran goal di Quagliarella, perché ho guardato solo l’ultima mezz’ora della partita.

\r\n

Giusto in tempo per vedere Krasic compiere un’autentica prodezza che avrebbe meritato ben altro esito.

\r\n

Peccato, perché il modo in cui ha rubato palla è si è involato verso la porta avversaria, saltando anche il portiere è stato strepitoso.

\r\n

Peccato perché Iaquinta era lì e sarebbe bastato sollevare il capo e porgergli il migliore dei palloni a porta vuota.

\r\n

E invece traversa e poi indietro a cercare di proteggere il risultato dai continui attacchi del Chievo.

\r\n

Ecco, la mia partita si limita a questo. Abbastanza per capire che i conti vanno chiusi quando si ha il coltello dalla parte del manico.

\r\n

Abbastanza per capire che in certi casi l’egoismo è una dote e in certi altri un handicap.

\r\n

E che un po’ di cinismo qualche volta fa comodo.

\r\n

Onore al Chievo che ci ha creduto e ha agguantato il pareggio.

\r\n

Persi due punti ma ci sono altri che contro il Chievo ne hanno persi tre.

\r\n

Su la testa, allora, e guardiamo avanti.

\r\n

Pausa invernale, poi si ricomincia.

\r\n

Nella speranza che Babbo Natale si ricordi di noi e ci porti sotto l’albero i rinforzi che aspettiamo.

\r\n

\r\n

di Luca Falvo per Juvemania.it