Editoriali

Juve, è ora di svegliarsi!

Scritto da Redazione JM

Poco tempo fa il Real Madrid ha battuto il Siviglia giocando in dieci contro undici ed esprimendo uno schiacciante dominio nel gioco. Sarebbe impos­sibile aspettarsi un simile atteggiamento dalla Juve? Abbiamo scritto atteggiamento per non apparire ir­riverenti. Non c’entra la forza intrinseca di una squa­dra, quanto la testa. Quella che manca alla Juve. C’è ancora molto della passata stagione nella mente di al­cuni giocatori: paure, mollezze, cali di concentrazio­ne, scarsa grinta. Tutte zavorre che vanno rimosse. I 18 risultati utili consecutivi, seppur con i rimpian­ti per i troppi pareggi, sono la memoria da cui ripar­tire. Non era una squadra di fenomeni quella, non è una formazione di schiappe quella che si è fatta tra­volgere in casa dal Parma ma urgono correzioni. Ci sono ancora alcuni giocatori che sono inadeguati per capacità e permentalità alla Juve: vadano via! Libe­rino la Juve dai loro problemi e la lascino crescere. Non si può accogliere con fatalismo ogni sconfitta. Basta! E non stiamo parlando di Melo che ha sem­pre problemi di testa, ma di altro genere. Ora è ne­cessario ripartire perché fra due giorni c’è un Napo­li che vorrà riscattare il ko contro l’Inter. Aquesta Juve non bastavano 12 rinforzi, ne occorrevano 20 e il grave infortunio a Quagliarella riapre in manie­ra ineludibile il discorso mercato. Toni è solo il pri­mo rimedio.\r\n\r\n(Di Paolo De Paola – Visita il blog del direttore di Tuttosport)

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi